cassonettiLe nuove regole dettate dal Dlgs 205/2010. Il giorno di Natale entra in vigore il Dlgs 205/2010, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 dicembre scorso, che recepisce la direttiva comunitaria 2008/98/Ce. L’articolo 34 del decreto prevede sanzioni più elevate per i privati che abbandonano rifiuti per strada o comunque nell’ambiente: “da trecento euro a tremila euro” e “se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la sanzione amministrativa e’ aumentata fino al doppio.” La direttiva comunitaria prescrive l’obbligo di trattare i rifiuti in modo da evitare impatti negativi sull’ambiente e sulla salute umana, un incoraggiamento ad applicare la gerarchia dei rifiuti. Inoltre viene applicato il principio di “chi inquina paga”. La parte organica dei rifiuti, proprio quella che produce cattivi odori, deve essere separata prima in casa e successivamente in strada dagli altri rifiuti. A Natale si sa, oltre ai rifiuti alimentari, spesso veri sperperi, troviamo smisurati quantità di cartoni e contenitori in plastica; in questi casi è opportuno separare adeguatamente la plastica dal cartone. Per deporre nel cassonetto “indifferenziato” un sacchetto di rifiuti “ridotto”, si deve partire dalla raccolta differenziata già dentro casa, suddividendola il più possibile. Non si potrà più lasciare il proprio sacchetto di rifiuti accostato ai piedi del cassonetto pieno, ma bisognerà cercarne un altro. Secondo quanto previsto, gli elettrodomestici guasti o inservibili, diventati rifiuti, non devono essere depositati nel cassonetto o lasciati per strada, ma previ accordi, dovranno essere ritirati da chi gestisce tale ritiro. In alternativa a ciò, il materiale inutilizzato, può essere portato in specifiche piazzole comunali o consegnato al rivenditore all’atto dell’acquisto di uno nuovo. Adottando quando descritto, permetterà al sistema di riciclaggio di trasformare i nostri rifiuti in una vera e propria risorsa, anziché indirizzarli alle discariche. Anno nuovo, vita nuova. Comunque sia cerchiamo di non buttare nulla dalle finestre.

Tempostretto.it – Tito Lanciano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− due = 5