spiaggia1
Foto dal web

Il cadavere di una donna è stato ritrovato la notte scorsa sulla spiaggia. Il corpo giaceva esamine sulla battigia con evidenti segni di annegamento. La segnalazione al 112 è giunta intorno all’una, da parte di alcuni pescatori. Sul posto, sono prontamente giunti i carabinieri della Compagnia cittadina guidati dal capitano Emanuele Leuzzi, un ambulanza del Servizio d’urgenza ed emergenza medica “118” e i vigili del fuoco di località “Cardarello” agli ordini del capo squadra Domenico Cricelli. I sanitari, giunti sul posto, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Sul luogo anche il magistrato di turno e il medico legale che hanno effettuato un’ispezione cadaverica e, dopo aver stabilito che la causa della morte era l’annegamento per un probabile suicidio, hanno dato mandato alle forze dell’ordine di avvisare i familiari della donna che nel frattempo era stata identificata autorizzando la rimozione del corpo dalla spiaggia. La donna, originaria di Guardavalle, sembra che soffrisse da tempo di crisi depressive che potrebbero essere culminate con il suicidio. Non è dato sapere, al momento, da quale punto la donna abbia deciso di farla finita. Se si sia buttata in mare da Guardavalle oppure da Soverato. I rilievi sono durati per tutta la notte, fino all’alba, e la salma, già nella giornata di ieri, è stata restituita ai familiari.(c.b.)

Fonte: Gazzetta del Sud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


tre − 1 =