L’assessore regionale ai trasporti Luigi Fedele si è rivolto ai segretari generali dei sindacati calabresi di categoria in merito ripristino delle agevolazioni per gli ultrasettantenni. “Nel riscontrare le legittime rivendicazioni mosse delle tre sigle sindacali – ha scritto Fedele – sulla questione relativa al ripristino del servizio di agevolazioni tariffarie per i cittadini calabresi ultrasettantenni, intendo assicurare che la questione sollevata è una delle prime che ho posto alla mia attenzione per individuare una soluzione.

Nella consapevolezza delle criticità legate al sistema della mobilità in Calabria – ha messo in evidenza Fedele – questa amministrazione regionale, e in particolar modo il presidente Scopelliti e l’assessorato ai Trasporti, è impegnata in un’ampia riorganizzazione del comparto finalizzata ad elevare la qualità e l’efficienza dei servizi, nonché all’eliminazione degli sprechi, seppur confrontandosi con l’esiguità di risorse assegnate al settore. Così, com’è anche a conoscenza della legge regionale del 2006 che definisce il diritto ai cittadini calabresi ultrasettantenni di circolare liberamente sulle autolinee del trasporto pubblico regionale.

La norma in questione – ha proseguito l’assessore -, pur vigente, non ha copertura finanziaria dal 2006 e pertanto nel tempo si sono accresciute le giuste rivendicazioni, anche in sede giudiziaria, delle aziende di trasporto che non hanno visto compensato per anni l’onere sostenuto. Nell’ultimo anno alcune aziende non hanno più riconosciuto il diritto alla libera circolazione agli ultrasettantenni aventi diritto, anche a causa di una più complessiva e complessa situazione di difficoltà generata dall’aumento dei costi di esercizio e dalle difficoltà della finanza pubblica, che si è pesantemente riflessa sulle risorse disponibili per la Regione. Non è utile in questa fase – ha rilevato ancora Fedele – attribuire le responsabilità di quanto sta accadendo, ma essendo indiscutibile che la situazione corrente è al di fuori della normalità e del rispetto dei diritti sanciti dalla stessa legge, ed anzi oggettivamente confusa e intollerabile, è mio preciso dovere individuare una soluzione al problema. Lo sforzo attuale è quello di individuare una risoluzione compatibile con le risorse disponibili che mantenga in vita il diritto oggi sancito dalla legge, volendo evitare la soluzione più “semplice” di una revisione delle agevolazioni tariffarie che comporti l’abolizione di tale diritto.

Questa amministrazione –ha scritto infine l’assessore Fedele – intende, quindi, garantire il diritto alla mobilità ai cittadini calabresi e, in particolar modo, alle categorie sociali più deboli. E, pertanto, si sta spendendo affinché nei tempi più celeri venga ripristinata l’agevolazione finanziaria per gli ultrasettantenni. L’assessorato, infatti, ha attivato tutte le procedure necessarie per far si che, dal mese di settembre 2012, tutti gli ultrasettantenni che ne hanno diritto, per requisiti di reddito e di residenza, possano tornare ad usufruire gratuitamente del servizio pubblico locale”. p.g.

regione calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 4 = quattro