Rischio allagamenti, frane e smottamenti nei settori jonici della Provincia, dove piove già intensamente da un paio d’ore. Sono le prime piogge prefrontali, il maltempo si intensificherà soprattutto nella prossima notte e domattina, qauando potranno esserci violenti nubifragi temporaleschi. E’ iniziata con un clima già cupo e umido una settimana che, nello Stretto di Messina, sarà caratterizzata da uno scirocco continuo e forti piogge temporalesche. Il cielo è già coperto in tutta l’area dello Stretto con le prime piogge prefrontali, localmente intense, nel Messinese Jonico. A Itala Superiore sono già caduti 30mm, Altolia ha raggiunto i 29mm e Pezzolo i 20mm. Tra Giampilieri e Scaletta Zanclea sono caduti 15mm di pioggia mentre a Messina il cielo è coperto e cadono solo dei deboli piovaschi, senza piogge serie. Un nuovo violento peggioramento è ormai imminente, ed è provocato dall’arrivo di una perturbazione Afro/Mediterranea (d’origine Atlantica) che al momento si trova nell’entroterra Algerino, sul deserto del Sahara, ma entro domattina si muoverà sulla Tunisia e da lì verso la Sardegna. Lo spostamento verso nord/est del centro di bassa pressione determinerà l’arrivo di forte maltempo su tutta l’Italia meridionale, con ammassi nuvolosi molto minacciosi, già visibili dalle mappe satellitari, in risalita da sud/ovest verso nord/est. Al suolo, però, soffia un vento di scirocco che nelle prossime ore si intensificherà e arriverà a raggiungere i 50km/h nell’area dello Stretto. Le temperature aumenteranno con picchi di +22/+23°C nelle zone Tirreniche, dove ci sarà favonio, e forti piogge si addenseranno nelle aree Joniche, lungo le dorsali orientali di Etna e Peloritani, che saranno le zone della Sicilia più colpite da questo peggioramento, anche se pure l’area Tirrenica tra Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo potrà essere colpita da forti rovesci di pioggia. In Calabria, invece, le piogge più intense si concentreranno nelle zone orientali delle province di Catanzaro e Reggio Calabria, con violenti nubifragi su tutta l’area jonica. Occhio anche al mare: sarà molto mosso con possibili mareggiate. La giornata “clou” è quella di domani, martedì 22 novembre, quando ci saranno forti piogge e temporali soprattutto in mattinata in tutte le zone Joniche. Qualche temporale potrebbe anche risalire lo Stretto di Messina colpendo prima Reggio e poi anche Messina, ma capirlo nelle previsioni è un rebus quasi impossibile da sbrogliare, bisognerà attendere il nowcasting affidandosi alle mappe delle fulminazioni e ai radar aggiornati in tempo reale. Di certo c’è una situazione di massima allerta per le zone Joniche, dove sta già diluviando e solo domani ci aspettiamo fino a 200mm di pioggia nell’arco di meno di 12 ore, in mattinata, perchè poi dal pomeriggio la situazione migliorerà. Però già dalla prossima notte le precipitazioni si intensificheranno, ed è alto il rischio di allagamenti, frane e smottamenti a causa dei forti nubifragi in arrivo. Per monitorare la situazione in tempo reale vi consigliamo le pagine già segnalate poche righe sopra, anche se non mancheranno nuovi aggiornamenti in tempo reale.

Tempostretto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× 9 = sessanta tre