carabinieri palermo drogaNei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Palermo-San Lorenzo, coadiuvati da personale della Compagnia di Palermo – Piazza Verdi, e da unità cinofile antiesplosivi ed antidroga del Comando Provinciale di Palermo, hanno eseguito una serie di perquisizioni di edifici, nel quartiere Zen 2 di Palermo, in particolare nei padiglioni tra le vie Fausto Coppi, Costante Girardengo e Rocky Marciano. L’attività volta alla ricerca di armi, materiale esplodente, sostanze stupefacenti e quant’altro di illecita provenienza, ha interessato, in particolare, i box siti al piano terra del padiglione di via Fausto Coppi, nonché alcune abitazioni site nello stesso padiglione ed in altri limitrofi. Alle operazioni di controllo del territorio hanno preso parte circa 60 Carabinieri del Gruppo di Palermo che complessivamente hanno effettuato 55 perquisizioni locali ed identificato 90 persone dimoranti del quartiere.

Nel corso del servizio i militari dell’Arma hanno rinvenuto, abbandonata in un’aiuola del padiglione di via Rocky Marciano, una pistola Beretta modello 98 FS calibro 9×21, completa di caricatore e di 15 colpi. Da accertamenti in Banca Dati, l’arma recuperata è risultata costituire parte del bottino di un furto commesso il giorno prima in Piazza Pallavicino in danno di una guardia giurata, alla quale era stata sottratta la propria autovettura, ove custodiva un giubbotto antiproiettile ed un marsupio con all’interno la suddetta arma.

Le immediate ricerche dei Carabinieri avevano permesso, però, di rinvenire solamente l’auto con all’interno il giubbotto antiproiettile e non l’arma di servizio. L’attività ha altresì portato all’arresto in flagranza di reato di Salvatore F., palermitano 33enne, abitante del quartiere, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il prevenuto, dopo essersi presentato ai Carabinieri, per evitare la forzatura del box rivendicando la proprietà, è stato trovato in possesso di una borsa in nylon contenente una busta di plastica con all’interno 36 grammi circa di marijuana, 2 bilancini di precisione oltre a bustine, spillatrici e forbici quale materiale serviti per il confezionamento dello stupefacente da spacciare al dettaglio.

Quanto scoperto dai militari dell’Arma, era abilmente occultato in un pensile della cucina presente nel garage, scovato grazie all’ausilio dell’unità cinofila antidroga a nome di “Nick”, un cane di razza pastore tedesco di 6 anni età, che vanta numerosi e decisivi interventi in operazioni per il contrasto al traffico di droga. Contestualmente, a seguito di una perquisizione domiciliare eseguita in via Costante Girardengo, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 17enne palermitano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il minorenne deteneva occultata sotto il proprio letto, una busta in plastica contenente 8 dosi preconfezionate di Hashish del peso complessivo di circa 10 grammi e 2 dosi preconfezionate di Marijuana del peso complessivo di circa 1,6 grammi che, all’ingresso dei militari, decideva di consegnare spontaneamente. Quanto recuperato nel corso delle perquisizioni è stato posto sotto sequestro, mentre l’arrestato, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, è stato tradotto presso la locale casa circondariale “Ucciardone”.

A questi risultati si è aggiunto un ulteriore arresto compiuto dai Carabinieri della Stazione di Palermo San Filippo Neri nei confronti di Ignazio N.,  33enne, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla locale Procura della Repubblica, dovendo espiare una pena residua di anni 2 e mesi 2 di reclusione per riciclaggio, reato commesso nel 2005 a Palermo, anche per quest’ultimo, si sono aperte le porte del carcere “Ucciardone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 × = otto