cosco ferdinandoGuardavalle Web riceve e pubblica – Sanità, pubblica amministrazione e occupazione: sono questi i temi affrontati con grande pathos da Ferdinando Cosco, nel corso dell’incontro di apertura della sua campagna elettorale, tenutosi ieri mattina a Girifalco alla presenza di numerosi sostenitori, alcuni dei quali arrivati anche dai paesi limitrofi. “Un incontro – ha detto Cosco – che mi entusiasma e mi spinge ad affrontare con grande determinazione questo prossimo impegno politico nella lista “Noi Sud: libertà e autonomia” – che sostiene il presidente Giuseppe Scopelliti. Sono convinto che ormai bisogna dare una svolta radicale all’intero sistema regionale, ed in particolare al settore sanità che negli ultimi anni è stato pesantemente penalizzato a danno di tutti i calabresi”. Cosco è entrato, quindi, nel merito delle questioni di carattere sanitario, materia nella quale è certamente un grande esperto, “questioni – ha ribadito più volte – non più rinviabili”. “E’ urgente prendere in esame il ruolo degli ospedali del territorio, attribuendo a ciascun presidio un distinto ruolo, ma soprattutto potenziandoli con l’acquisto di attrezzature di ultima generazione per dare risposte qualificate all’utenza. E’ nota a tutti la penosa vicenda, diventata una telenovela, dell’acquisto di una nuova TAC per l’ospedale di Lamezia Terme. L’acquisto di nuove tecnologie deve però coincidere – ha sostenuto – con un contestuale potenziamento delle risorse umane e nel contempo con un serio programma di riqualificazione indirizzato a tutte quelle figure che all’interno dei vari nosocomi e dei presidi territoriali sono in grado di esprimere al meglio le loro potenzialità, attraverso una formazione mirata in funzione degli obiettivi di efficacia, efficienza ed economicità”. Il candidato di “Noi Sud” si è pure ampiamente soffermato sul ruolo del Suem 118. “Vi sono ambulanze obsolete in continua manutenzione – ha dichiarato – e la PET di Maida non è ancora medicalizzata. Bisogna quindi porre particolare attenzione agli organici, certamente insufficienti, delle varie postazioni, ma soprattutto bisogna procedere ad una vera integrazione delle Postazioni del 118 con le Guardie Mediche e i Pronto Soccorso degli ospedali. Spesso i cittadini non sanno chi contattare per primo e questo comporta disagi e ritardi che possono essere a volte fatali”. Ed ancora Cosco incalza. “Negli ospedali mancano i servizi di accoglienza o triage, mancano medici e infermieri e non si è mai posta grande attenzione alla morfologia del territorio. Il nosocomio di Soveria Mannelli – ha detto – dovrà essere veramente considerato “ospedale di montagna” e come tale va assolutamente potenziato. Stessa cosa dicasi per la Riabilitazione e la Lungodegenza di Chiaravalle che lavorano con grande serietà e impegno, ma il cui personale è assolutamente insufficiente”. “Il Piano di rientro non può essere un piano contro i calabresi e i cittadini tutti che pagano le conseguenze di una gestione disastrosa dell’intero settore sanità. Deve, invece, essere l’occasione per riqualificare l’intera rete ospedaliera e territoriale attraverso il potenziamento delle strutture esistenti e delle risorse umane. Fare funzionare gli ospedali non è difficile, basta metterli nelle condizioni di lavorare a pieno regime, assumendo tutte le figure necessarie e rinnovando le attuali attrezzature. “Va sostenuta, infine, – ha aggiunto Cosco – l’integrazione tra pubblico e privato, ma ciò deve avvenire nel rispetto delle regole e della qualità dei Servizi”. Il candidato girifalcese si è quindi soffermato sulla necessità di programmare seri interventi a favore degli anziani e dei disabili e sul corretto utilizzo dei fondi comunitari, in particolare di quelli destinati all’agricoltura, al turismo e all’imprenditoria. “Ma soprattutto – ha sottolineato – vanno adeguatamente sostenuti e attivati quei progetti destinati a creare sviluppo e occupazione per il mondo giovanile”. “Siamo, insomma, – ha concluso Ferdinando Cosco – in una situazione disastrosa che necessita di interventi radicali in tutti i settori. Il mio impegno sarà totale e a favore dell’intero territorio della nostra Circoscrizione per la quale mi candido quale rappresentante forte, espressione diretta dell’intera comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 × = sessanta tre