Anche i giornalisti messinesi sono impegnati, con i colleghi di tutta Italia e della Sicilia, per sensibilizzare il governo e le istituzioni ad adottare concreti provvedimenti finalizzati:   
alla tutela della dignità professionale del lavoro giornalistico, in tutte le forme esercitate, contro ogni sfruttamento e bavaglio;   
alla conferma dei diritti degli operatori del settore;   
al diritto dei cittadini ad una informazione completa e plurale;   
ed inoltre al proseguimento istituzionale dell’INPGI nelle sue finalità al pari di tutti gli altri enti previdenziali dei lavoratori privati e pubblici.
Una azione necessaria perché in tutti questi anni i giornalisti hanno pagato un enorme prezzo con la illogica riduzione dei posti di lavoro e le retribuzioni a ribasso, nonostante i ricorrenti finanziamenti dello Stato alla editoria; una emorragia occupazionale ed una caduta di dignità che non ha eguali che si ripercuotono sulla libertà di stampa e, quindi, sulla democrazia del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− quattro = 4