In relazione al progetto predisposto dall’ASP di Reggio Calabria riguardante la riconversione del Presidio Ospedaliero di Scilla, il Dipartimento Programmazione Nazionale Comunitaria ha espresso parere positivo alla sua realizzazione. Ad affermarlo è l’ufficio stampa dell’ASP di Reggio Calabria. Di fatto detto parere consente l’utilizzo di otto milioni e duecentosettantamila euro per la trasformazione dell’ex Presidio Ospedaliero di Scilla in Casa della Salute.

Il progetto, predisposto dall’architetto Roberto Mittiga dell’Ufficio tecnico dell’ASP, prevede la creazione di nuove strutture complesse di tipo distrettuale idonee a garantire prestazioni sanitarie e socioassistenziali diagnostiche e cliniche di eccellenza. L’intero comprensorio di Scilla sarà dotato di una struttura facilmente accessibile in grado fornire risposte immediate ai bisogni di assistenza con conseguente abbattimento delle liste di attesa.

Nello specifico, la Casa della Salute è una struttura con un sistema integrato di servizi che si prende cura degli assistiti fin dal momento dell’accesso, diventando il punto di incontro tra il cittadino ed il sistema organizzato del servizio sanitario, con facilitazione di accesso ad attività specialistiche di primo livello: area dei servizi sanitari; servizio delle prestazioni urgenti, dei prelievi e delle donazioni; punto di primo intervento H24; ambulatorio di prime cure e per le piccole urgenze; continuità assistenziale; area dedicata alle attività diagnostiche; un’area della prevenzione; area dei servizi socio-sanitari; consultorio familiare; servizio di salute mentale; ambulatorio dei medici di medicina generale; ambulatorio infermieristico; area dei servizi generali ed amministrativi. Tutti i servizi saranno allocati in ambienti autonomi, confortevoli e predisposti a garantire il pieno rispetto della privacy.

Sotto l’aspetto tecnico lo studio approvato prevede adeguamenti statici finalizzati alla massima sicurezza con sistemi di alta tecnologia che consentiranno di eleggere la struttura come Presidio a valenza strategica in materia di protezione civile. Saranno completati tutti i lavori dell’intera area ospedaliera rimasti sospesi per molti anni con adeguati spazi interni ed esterni destinati alla socializzazione.

In merito al servizio già attivato di Procreazione Medicalmente Assistita ed al servizio di Andrologia è stato concluso l’iter per l’acquisto delle attrezzature sanitarie che a breve saranno fornite. Inoltre, il Direttore Sanitario dr. Francesco Sarica ha disposto l’attivazione di un Centro di Diagnostica prenatale con servizio di ecografia morfologico-fetale ed ecocardiografia fetale.

Il Direttore Generale dell’ASP Grazia Rosanna Squillacioti ha espresso piena soddisfazione per il parere positivo acquisito dal Dipartimento Programmazione Nazionale Comunitaria, ed è in attesa della convocazione da parte degli organismi regionali per la sottoscrizione dell’atto convenzionale al fine di procedere alla definizione degli atti tecnici ed indire la relativa gara d’appalto per l’avvio dei lavori definitivi di riconversione del Presidio Ospedaliero di Scilla.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


5 + sette =