Le due opere di Caravaggio esposte al Mu.Me. (Museo regionale interdisciplinare di Messina), saranno illuminate con un nuovo impianto studiato, realizzato e donato dalla ERCO, società di illuminotecnica. Si tratta d’un intervento di valorizzazione, pensato e realizzato nel corso del periodo di chiusura del museo, che ha continuato a lavorare a porte chiuse, preparandosi alla riapertura con un’offerta maggiormente attrattiva.

L’illuminazione delle due tele del Caravaggio ha risposto alle moderne esigenze d’illuminazione, coniugando i vincoli dettati dalla conservazione delle opere con l’esigenza di migliorare e renderne più interessante la fruizione, un’iniziativa, che si è avvalsa della notevole esperienza maturata dalla ERCO a livello internazionale con collaborazioni e progetti maturati nell’ambito dei più importanti musei del mondo, da Sidney a Londra, da Berlino a New York, a Singapore, Hong Kong, Taipei, Parigi, Barcellona, Milano, Firenze, Torino. Nelle due opere di Michelangelo Merisi, su cui è stato realizzato il nuovo sistema di illuminazione – la “Resurrezione di Lazzaro” e “l’Adorazione dei pastori” – la luce diventa ora protagonista centrale dell’evento narrativo e guida descrittiva, drammatica ed esistenziale dei racconti, che il grande pittore ha trasportato dal Vangelo alla tela.

“Quello realizzato dalla ERCO evidenzia l’Assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Alberto Samonà– è un importante intervento di valorizzazione di opere d’arte da parte dei privati, che sempre più auspichiamo si facciano custodi di bellezza; un gesto di grande sensibilità, che testimonia come molti siano i modi, in cui si possa intervenire nel migliorare la fruizione delle nostre opere d’arte: oltre a interventi diretti, quale quello della realizzazione d’un innovativo impianto di illuminazione, che permetterà una visione più interessante di queste opere di Caravaggio, anche esempi di art bonus, che consentono detrazioni fiscali per quei privati, che intervengono con donazioni nel mantenimento del patrimonio culturale, possibilità queste che ci aiutano a salvaguardare l’immenso patrimonio culturale siciliano”. “Esprimo un particolare ringraziamento all’amministratore delegato di Erco Andrea Nava, per aver unito il nome dell’impresa, che amministra a quello del nostro Museo, consentendo la realizzazione di un impianto di illuminazione studiato su misura che esalta il valore delle due opere del Caravaggio esposte nelle nostre sale, un intervento –sottolinea il direttore del Mu.Me. Orazio Micali – che offrirà alle migliaia di visitatori, che ogni anno entrano al museo, la possibilità di godere ancora di più e meglio la bellezza delle due pregiatissime opere d’arte”.

Il Mu.Me. rappresenta oggi il museo più vasto della Sicilia con 17.000 mq di estensione e 4.500 mq di superfici espositive e centinaia di opere, che abbracciano un ampio periodo storico dal VI secolo a.C. fino agli inizi del XX. Il Museo è altresì ricco di testimonianze architettoniche della città distrutta dal terremoto del 1908 e custode di opere di eccezionale valore artistico testimonianti la grandezza e l’importanza culturale e artistica della Sicilia nel Mediterraneo, tra cui le opere di Caravaggio e di Antonello da Messina.

Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


7 × nove =