Un libro fotografico unìco e speciale per questa prestigiosa città d’arte.  Il poliedrico artista Angelo Laganà non finisce mai di stupire, specialmente per l’energia e l’amore che mette in tutte le cose che fa da tutta una vita. Musicista ed autore di oltre 500 canzoni depositate alla SIAE, alcune delle quali di successo (ben 4 interpretate da Mino Reitano ed altre adottate come sigla da popolari trasmissioni televisive della Rai), editore di riviste sportive a larga diffusione come quella per la nazionale italiana di calcio o per la Roma calcio dei tempi di Falcao e, di recente, per la Reggina.

Molte continuano ad essere le sue tournèe all’estero, dove porta la solarità e i valori storici della Calabria (in particolare con la canzone “Capo Sud” un vero e proprio inno alla nostra terra). E dove non può andare di persona sono i suoi CD a rappresentarlo nei multimedia di mezzo mondo. E’ riuscito persino a portare al successo una marca di liquirizia appartenuta al padre.

Da un anno a questa parte, Angelo Laganà si sta specializzando, come autore ed editore, nella pubblicazione di libri fotografici per illustrare e celebrare le città più belle della Calabria. E lo fa in modo speciale ed originale, non soltanto per la ricchezza delle immagini e delle informazioni, ma soprattutto per le innovazioni tecniche che evidenzia, inserendo nei volumi foto lunghe fino ad oltre un metro e mezzo per una sola veduta panoramica. Così ha fatto per i due volumi su Roccella Jonica e per quello su Marina di Gioiosa Jonica. Volumi interamente a colori, in carta pregiata definiti “Special maxi postcards” e sottotitolati come “International Travel Guide”, tradotti anche in inglese. Il territorio dei comuni e delle città viene così documentato nella sua maggiore vastità e bellezza. Come riesce ad ottenere tale effetto?… Con tanto lavoro ma anche con altrettanta maestrìa.

Occorrono mediamente cinquanta scatti attigui per ottenere un panorama che sulla carta viene impresso e descritto per una lunghezza del tutto inusuale (da 60 a 150 cm). Fino a questo momento sono soltanto tre le città calabresi che possono vantare questa unicità turistico-promozionale e documentaria: infatti, a Roccella e Gioiosa si aggiunge, adesso, Gerace. Insieme fanno parte del programma della più bella “Calabria illustrata” poiché Angelo Laganà intende emulare, nell’ottica del 21° secolo, le titanica opera del celebre frate cappuccino Giovanni Fiore da Cropani (1622-1683) il quale volle appunto illustrare la migliore Calabria del 17° secolo riuscendoci a meraviglia!… Ma il nostro Artista intende andare al di là della nostre regione, cercando di raccontare fotograficamente, come altri non hanno fatto ancora, le più belle città italiane, a cominciare dalla Capitale, volume cui sta già lavorando, curando principalmente la Roma di notte.

 Intanto, è fresco di stampa e verrà presentato ufficialmente fra qualche settimana, in febbraio, il gigantesco libro fotografico che Angelo Laganà ha voluto dedicare a Gerace per celebrare in ogni sua bellezza e splendore uno dei borghi più belli e storicamente più importanti del Mediterraneo. L’artista di Roccella Jonica, per realizzare tale opera davanti alla quale si resta senza fiato per i molteplici effetti visivi ed espressivi, ha dovuto effettuare oltre settemila scatti per realizzare le 660 foto (di varia grandezza) presenti nel volume, che si avvale della prefazione del vescovo Giuseppe Fiorini Morosini e del sindaco Giuseppe Varacalli. Ad esempio, la foto panoramica centrale, lunga un metro, evidenzia la costa da Monasterace a Capo Bruzzano e, per realizzarla, Laganà ha dovuto effettuare 35 scatti, uno seguente all’altro al millimetro (cosa non facile su un fronte panoramico così ampio). Gerace vista dal mare, dai monti, dal basso e dall’alto, di giorno e di notte, nella sua vita di tutti i giorni, delle feste e delle ricorrenze. Angoli nascosti e spazi pubblici, case private e palazzi istituzionali, personaggi noti e gente del popolo… Gerace emerge in tutta la sua magìa plurimillenaria, risplende nel suo fascino antico e nella sua grande voglia di un significativo futuro.

 Un lavoro veramente assai impegnativo sotto tutti gli aspetti quello di Angelo Laganà, non ultima la realizzazione grafica per la cui ottima riuscita sono state necessarie numerose accortezze tecniche e tipografiche davvero fuori dal normale. E la valenza davvero straordinaria dell’Opera laganiana colpisce ancora di più della sua stessa unicità che aumenta il prestigio editoriale e la creatività artistica della Calabria nel mondo. Infatti, questo tipo di creazioni fotografico-editoriali di Angelo Laganà sono apprezzate maggiormente all’estero ed anche questa considerazione, assieme al valore artistico-comunicativo dell’opera su Gerace, reca onore e merito al suo Autore e a tutta la nostra Comunità regionale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


quattro − = 3