corpo forestale

Cosenza, 20 febbraio 2014 – Il personale del Comando Stazione Forestale di S. Sosti (CS), dipendente dal Coordinamento Territoriale per l’Ambiente Parco del Pollino, ha tratto in arresto un 55enne di Sant’Agata d’Esaro (CS) per i reati di furto aggravato di materiale inerte, deviazione di acque pubbliche, distruzione e deturpamento di bellezze naturali. Il presunto responsabile avrebbe effettuato il prelievo di materiale inerte senza alcuna autorizzazione dall’alveo del Fiume Esaro, con l’ausilio di un escavatore.

La Forestale è intervenuta in località “Macchia del Monte” nel Comune di Sant’Agata a seguito di una segnalazione ricevuta al numero di emergenza ambientale 1515. Giunta sul posto ha sorpreso l’uomo a bordo dell’escavatore intento al prelievo del materiale dal fiume. Ulteriori indagini sono state effettuate nell’immediatezza in un cantiere di proprietà dell’uomo, a poche centinaia di metri dal luogo del prelievo. Qui sono stati rinvenuti alcuni cumuli dello stesso materiale appena prelevato, in parte caricati su un autocarro, e di cui l’indagato non è stato in grado di documentare la provenienza. I Forestali intervenuti, dopo aver messo in sicurezza l’alveo del fiume, hanno avvisato il settore protezione civile e difesa del suolo della Provincia di Cosenza. Hanno poi provveduto al sequestro del mezzo e del materiale rinvenuto (oltre 40 metri cubi) e alla misura restrittiva nei confronti dell’uomo. L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che ha disposto la rimessa in libertà dell’uomo.