TurismoIl contributo può essere erogato una sola volta per nucleo familiare sullo stanziamento per l’anno 2010. Presso il CAF Cisl si potrà ottenere tutta l’assistenza necessaria per la compilazione e l’invio delle domande. Al via il 20 gennaio l’iniziativa dei Buoni Vacanze, beneficio assistito da contributo statale in proporzione al reddito ed al numero dei componenti del nucleo. Si tratta di uno strumento utile a favorire il “turismo sociale”: infatti oltre ad essere una modalità di pagamento di un servizio, possono incorporare alcuni significativi benefici per gli utilizzatori quali sconti derivanti da convenzioni con imprese turistiche, contributo di Enti Pubblici locali, contributo dei datori di lavoro e la possibilità di accedere alle provvidenze previste dalla legge sul Turismo 135/2001. I Buoni Vacanze, così come in Francia, puntano a diventare uno strumento attraverso cui le Regioni, i Comuni, i Cral e le aziende potranno, in modo semplice ed efficace, veicolare benefici ed agevolazioni a cittadini, associati e dipendenti e soprattutto a sostegno delle fasce più deboli, per affermare il diritto alle Vacanze per tutti, sancito anche dalla nostra Costituzione. Il Buono Vacanze garantisce al possessore la possibilità di scegliersi la vacanza utilizzando le strutture alberghiere, extralberghiere, ristorazione, turismo familiare, servizi al turismo (comprese agenzie e tour operators) alle migliori condizioni economiche con uno sconto variabile. a seconda delle stagionalità. Hanno diritto ai Buoni Vacanze i cittadini italiani, regolarmente residenti in Italia, appartenenti a nuclei familiari che alla data della richiesta di emissione dei buoni vacanze rientrano nelle previsioni socio-economiche. Il contributo può essere erogato una sola volta per nucleo familiare sullo stanziamento per l’anno 2010. Presso il CAF Cisl si potrà ottenere tutta l’assistenza necessaria per la compilazione e l’invio delle domande.

Normanno.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


1 × = nove