asp rc1L’Ufficio stampa della stessa Azienda, in data odierna, ha diffuso un comunicato con il quale rende noto che l’ASP di Reggio Calabria ha avviato il progetto di prevenzione, diagnosi e cura della malattia diabetica e delle sue complicanze rivolto ai donatori di sangue. Esso progetto rappresenta una parte dell’ampio piano operativo regionale 3.3 riguardante la prevenzione diabetologica. In questa fase è prevista la piena sinergia tra i Servizi di Diabetologia, i diabetologi dell’ASP, il Servizio Trasfusionale dell’AVIS ed ADSPEM.

Nello specifico il progetto, già operativo, prevede l’avvio di uno screening diabetologico rivolto ai soggetti a rischio donatori di sangue di un’età compresa tra i 18 e 65 anni che individuati dal personale medico e paramedico dell’AVIS ed ADSPEM vengono indirizzati ai servizi di Diabetologia dell’ASP i quali a loro volta, relazionandosi con il medico di medicina generale, prescrivono e programmano indagini mirate.

Per la definizione delle competenze specifiche, le modalità di intervento e la formazione degli operatori dell’ASP e dell’AVIS coinvolti nel programma di prevenzione del diabete, il responsabile del progetto, diabetologo Celestino Giovannini, ha organizzato di recente un corso di aggiornamento. Sono intervenuti nella qualità di relatori oltre al dr Giovannini, i diabetologi Gaudenzio Stagno, Mariapia Riccio, Antonino Amodeo, Giovanni Perrone il cardiologo Giuseppe Putortì ed il responsabile dell’AVIS, dr. Antonio Romeo. Il dibattito avviato nel prosieguo ha consentito l’individuazione di un’unica linea programmatica da seguire.

La malattia diabetica a causa dei cambiamenti stili di vita e dell’elevata prevalenza di sovrappeso ed obesità ha assunto rilevanza di emergenza sanitaria. Secondo i dati recenti riportati nell’annuario statistico Istat la prevalenza del diabete mellito è cresciuta del quasi il 5% con valori tendenzialmente più elevati tra le donne ed al Sud. L’impatto del diabete relativo alla spesa sanitaria pubblica e privata è calcolato a poco meno del 7%. Ed è a causa del carico sanitario e sociale che sono stati avviati progetti di prevenzione e diagnosi precoce del diabete necessari per fermare, ridurre o ritardare gli esiti negativi associati alla malattia ed alle sue complicanze.

A completamento dell’intero piano operativo della Regione Calabria per la prevenzione del diabete, l’ASP di Reggio Calabria – conclude il comunicato –  ha già completato le fasi preliminari per avviare lo screening, la prevenzione e la cura per l’intera popolazione del territorio. In atto il Servizio di Diabetologia presso il Polo Sanitario Nord di Reggio Calabria ha avviato con un gruppo di medici di medicina generale il progetto di prevenzione 3.3.3 destinato a sperimentare percorsi ottimali di integrazione dell’attività lavorativa ai fini della prevenzione, diagnosi e cura del diabete mellito.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


cinque − = 2