CATANZARO – Una proficua attività di collaborazione si è instaurata tra il Tribunale per i diritti del malato (TDM) e il direttore generale dell’Asp di Catanzaro, Dott. Prof. Gerardo Mancuso. Lo afferma l’Avvocato Daniela Tolomeo, nuova responsabile del TDM di Lamezia Terme la quale spiega che “anche dopo il suo insediamento, il TDM, attraverso l’attività dei suoi volontari, continua a promuovere la difesa e la tutela dei diritti del cittadino nell’ambito sanitario, impegnandosi concretamente, a livello locale, a realizzare una più umana e razionale organizzazione del servizio sanitario.

L’attività in questi ultimi mesi è proseguita concentrandosi non solo sulla consueta azione di richiamo e stimolo delle autorità competenti alla risoluzione delle problematiche esposte dagli utenti, ma anche e, soprattutto, su una fattiva collaborazione con le stesse attraverso la formulazione di proposte per migliorare il servizio sanitario indicando soluzioni concrete per un uso tangibile delle risorse tecniche, umane, finanziarie, eliminando sprechi e disfunzioni, promuovendo, altresì, iniziative che rimuovano situazioni di disagio ed evitino sofferenze inutili. Le osservazioni dei volontari del TDM, sempre frutto di oggettiva analisi delle problematiche prospettate dagli utenti, pazienti e personale sanitario, prive di pregiudizio alcuno hanno riscontrato il plauso del direttore generale Dott. Gerardo Mancuso con cui si è instaurato una proficua attività di collaborazione. Questa sinergia tra le Autorità ed il TDM ha già portato alla soluzione di problemi concreti minori che necessitavano solo di un maggior stimolo e problemi di maggior rilievo che portati all’attenzione del Direttore Generale stanno giungendo ad una risoluzione, quali il problema della Diabetologia che vedrà, a breve, l’arrivo di un altro medico, della viabilità intorno e all’interno dell’ospedale, il problema degli ascensori, il centro prelievi e altre problematiche come ad esempio il ripristino dell’aria condizionata nel blocco operatorio già da giovedì della settima scorsa, mentre in Ginecologia dallo scorso venerdì mattina”.

Gli incontri mensili con i volontari del TDM sono finalizzati alla soluzione dei problemi nei tempi e modi ritenuti più appropriati. Alcune criticità segnalate erano già in via di risoluzione, altre sono state condivise dal direttore generale, che immediatamente ha individuato le azioni da realizzare nel più breve tempo possibile. Il direttore Mancuso, dal canto suo si dice “convinto e soddisfatto di questa positiva e corretta collaborazione, nel rispetto dei ruoli che ognuno rappresenta, con la consapevolezza che il dialogo costruttivo porta ad una risoluzione dei problemi e ad una più rapida individuazione nell’interesse di tutti senza giochi di parte. Ringrazio l’Avv. Daniela Tolomeo per il contributo e il lavoro che il TDM svolge con abnegazione, nell’interesse dei pazienti e delle strutture sanitarie, senza diventare strumento di opposizione politica”.

Mancuso poi precisa che “sono tante le iniziative che a breve termine troveranno concreta attuazione: l’ambulatorio di diabetologia sarà potenziato con due medici, uno arriverà per fine luglio e l’altro per fine settembre. In modo che sia garantita la presenza di due medici la mattina e uno il pomeriggio; a inizio settembre tutti i reparti saranno informatizzati e potranno gestire la corrispondenza interna attraverso la procedura online; a inizio settembre si partirà con la nuova Assistenza domiciliare (ADI); saranno riorganizzati e ridistribuiti gli spazi in relazione ai carichi di lavoro; per la Radiologia stiamo aspettando la deroga per lo scorrimento della graduatoria in quanto sono solo sei i medici che operano nel servizio e non sono sufficienti per smaltire le liste d’attesa; abbiamo chiesto all’Ortopedia di raddoppiare l’ambulatorio per smaltire i numerosi pazienti che ogni giorno raggiungono circa le 40 unità; ho dato incarico al direttore sanitario di presidio, dott. Giuseppe Panella, di rimodulare gli spazi nell’Hub ambulatoriale e di accertare che l’Ortopedia abbia aggiunto un secondo medico in ambulatorio; Il punto prelievi sarà potenziato; abbiamo avviato la gare per la sostituzione nella torre A e nella torre B con un nuovo impianto moderno e funzionale degli 8 ascensori in acciaio e video sorvegliati”.

Il TDM, confermando l’opinione diffusa tra i medici di Ginecologia, riconosce che “dopo gli interventi del direttore generale in quel reparto le cose vanno molto meglio sia per ciò che riguarda l’aspetto infermieristico che quello medico”. Per l’Avv. Tolomeo “anche se il processo è lento e i problemi da affrontare sono molteplici, il TDM, al momento, può ritenersi, abbastanza soddisfatto di questa nuova fase collaborativa con le autorità preposte ed, in particolare, con il Direttore Generale dr. Gerardo Mancuso. Auspico – conclude la responsabile del TDM – che tale sinergia possa ancor più rafforzarsi al fine di assicurare a pazienti, personale sanitario e a tutti coloro che avranno la necessità di fruire dell’Ospedale lametino, una maggiore “vivibilità” ed un perfezionamento del servizio offerto”.

(Nella foto l’avvocato Daniela Tolomeo e il DG Mancuso)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 9 = dodici