nonna (Galleria foto all’interno) – L’autista che stava facendo attraversare una mamma con il suo bambino, non avrebbe visto la donna, che dall’altro lato della strada, stava attraversando con il nipotino nel passeggino.Il luogo della tragedia Trezzano sul Naviglio, 15 marzo 2010 – A poca distanza dall’ultimo incidente mortale, dove sempre un pedone è rimasto vittima di un automobilista sempre sulle striscie, stamane, in via Marchesina, all’altezza del civico 14, una donna di 58 anni, Caristo Assunta in Pelle, nata a Guardavalle (CZ), coniugata, residente in via Carlo Salerno, 4, mentre stava attraversando sulle striscie pedonali con il nipotino nel passeggino, è stata travolta da un TIR rumeno, guidato da G. N., classe 1962, residente in Romania. Foto di Aldo Marchesini, trezzanow.it Secondo una prima ricostruzione, l’autista del TIR si è fermato per fare passare una mamma con un passeggino, ma, non si sarebbe accorto che dalla parte opposta, stava attraversando la signora Caristo Assunta, con un passeggino. Una volta passata la prima mamma, sarebbe ripartito, senza accorgersi e non vedendo l’altra donna che aveva incominciato ad attraversare, in quanto dalla cabina del camion, la visuale gli sarebbe stata impedita, perchè troppo sotto. La donna, accortasi che il camion era partito, per far evitare l’urto alla carrozzina l’ha spinta lontano, riuscendo a salvarlo, ma, rimanendo vittima della ruota sinistra. Il bimbo è stato portato al san Paolo ma non ha lesioni di rilievo. “L’Amministrazione comunale e la città intera – dice il vicesindaco, Oliviero Camisani – rivolgono il più sentito cordoglio alla famiglia della donna travolta in mattinata da un camionista. Una tragedia che ha nuovamente colpito, a pochi giorni di distanza da un altro investimento sempre sulle strisce pedonali, al cuore la nostra comunità. Trezzano ha una conformazione territoriale molto particolare. Negli anni Settanta, infatti, non è stata prestata – prosegue Camisani – sufficiente attenzione nel distinguere le zone residenziali da quelle produttive e industriali. C’è una commistione tra abitazioni e aziende che ci ha portato, negli ultimi anni, a prevedere una serie di interventi straordinari – precisa il vicesindaco – per limitare il traffico pesante in alcune zone e abbassare la velocità con la creazione di zone a 30km/h e dossi in prossimità delle scuole”. (foto di Aldo Marchesini, trezzanoW.it) In via Marchesina, la Polizia locale è stata incaricata di verificare con il nuovo Piano urbano del traffico la possibilità di deviare il transito dei mezzi pesanti che, provenienti dalla tangenziale, potranno percorrere la via Copernico e dirigersi direttamente verso le aziende, senza attraversare il tratto dove sono presenti abitazioni. Anche al quartiere Boschetto, nella zona della nuova Vigevanese, la delocalizzazione dell’industria chimica Brenntag, alla quale ha lavorato l’attuale Giunta comunale, permetterà di limitare il passaggio di camion vicino alle residenze. “Un piano complessivo – conclude Oliviero Camisani – che ha già portato a realizzare rotonde, spartitraffico e installare dispositivi elettronici per il controllo della velocità nel tentativo di rendere più sicure le nostre strade”.

Fonte: mi-lorenteggio.com – Vittorio Aggio

(foto di Aldo Marchesini, trezzanoW.it)

nonna

nonna2


nonna1


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette × 7 =