Gruppo_Adozioni_foto_F.Mirabile“I regali inutili sono in via d’estinzione!” Si apre così, sotto lo sguardo tenero del panda, la nuova campagna WWF per un Natale che aiuti il Pianeta, le specie a rischio estinzione da adottare, i paradisi naturali da salvare, perché nonostante la crisi il Natale resta il momento per sognare, e il sogno di un pianeta più vivo si può ancora realizzare, anche attraverso regali che sostengono la tutela della natura o pratici eco-consigli per ridurre l’impronta ecologica delle nostre feste.

L’attesissima novità di quest’anno è la possibilità di mettere sotto l’albero i celebri pandini di cartapesta che negli ultimi anni hanno animato i più importanti eventi WWF per richiamare l’attenzione sulla natura a rischio e i cambiamenti climatici, facendo innamorare grandi, piccoli e anche tante celebrities. Da oggi tutti potranno sceglierli come regalo “esemplare”, in edizione limitata e numerata – 1600 come gli ultimi 1600 panda rimasti in natura – a fronte di una donazione su www.wwf.it/natale per supportare i progetti WWF sul campo. E dal 3 dicembre i panda andranno all’asta su EBAY con una serie speciale personalizzata, dipinta, firmata da personaggi come Raphael Gualazzi, che per l’occasione ha girato uno speciale video (http://bit.ly/Video_Gualazzi) con i pandini all’Oasi WWF di Vanzago, Aldo Giovanni e Giacomo, Dario Vergassola e Licia Colò, il fumettista Bevilacqua con il suo “a panda piace… panda!”, la tennista Flavia Pennetta, Giorgia, i Negrita, Massimiliano Rosolino e Natalia Titova, Francesco Facchinetti, la coppia di comici Nuzzo e Di Biase, i ragazzi delle scuole d’arte e tanti altri che hanno sposato la campagna Natale del WWF, di cui nelle prossime settimane verranno diffuse su web e social network foto e “pandini”, in attesa del grande giorno.

Da più di cinquant’anni il WWF è all’azione in tutto il mondo per salvare specie e ambienti straordinari oggi drammaticamente in pericolo a causa del cambiamento climatico, della distruzione degli habitat o della mano diretta dell’uomo. Nel 2050 potrebbe sopravvivere solo il 25% degli orsi polari presenti oggi nella banchisa artica, in tutto il mondo restano solo 3200 tigri (meno 97% dall’inizio del secolo scorso), la maggior parte delle popolazioni di gorilla potrebbe sparire in soli 10 anni. In Italia l’orso bruno, simbolo dei nostri Parchi, conta appena 100 individui tra Alpi e Appennini e ogni anno oltre 100 lupi, su un totale di 800-1000, finiscono nei lacci dei bracconieri, impallinati o vittima di bocconi avvelenati. Per fermare tutto questo servono risorse e aiuti concreti.

Per questo, l’invito WWF per Natale è di “fare un regalo a chi se lo merita”. Per farlo, è possibile regalare l’adozione simbolica di orsi bruni e polari, tigri, elefanti, lupi, gorilla e tante altre specie carismatiche che rischiamo di perdere per sempre. I contributi raccolti sostengono azioni concrete come l’acquisto di ricetrasmittenti per le pattuglie antibracconaggio, la cura degli animali feriti o sottratti illegalmente alla natura, l’ampliamento delle aree protette in Italia e nel mondo. In cambio si ricevono peluche, certificati d’adozione, adesivi, immagini e, con l’esclusiva App “WWF Adoption” per iPhone e Android, approfondimenti e notizie sulle specie minacciate e speciali download per dare al proprio smartphone un carattere “selvaggio”.

“Contribuire alle battaglie del WWF significa dare un futuro al mondo in cui viviamo. Basta un semplice dono, come l’adozione simbolica di una specie o un piccolo panda di cartapesta, per aiutarci a proteggere le specie più amate di tutti i tempi e gli straordinari habitat minacciati dalla mano dell’uomo, ovunque ce ne sia bisogno – ha detto Fulco Pratesi, fondatore e presidente onorario del WWF Italia – Sono solo 1.600 i panda sopravvissuti sul nostro pianeta. Ognuno di loro racconta il sogno di salvarli tutti, e di salvare tante meravigliose specie come orsi, gorilla, tigri, elefanti e ghepardi che rischiamo di perdere per sempre, insieme agli ambienti naturali da cui dipende la loro e la nostra stessa sopravvivenza. Complice la crisi, i regali inutili sono in via di estizione: facciamo un regalo a chi se lo merita!”

A chi vuole sentirsi parte di una grande squadra che difende la natura in tutto il mondo, si può anche regalare l’iscrizione al WWF: bastano 30 euro per ricevere la tessera, l’abbonamento alla rivista Panda anche in versione digitale e l’accesso gratuito a tutte le Oasi del WWF in Italia.

Se poi si è in cerca di eco-consigli natalizi c’è il nuovo “dec-albero” WWF 2013, il decalogo con 10 spunti pratici per delle festività veramente sostenibili, che negli ultimi anni sta aiutando i consumatori a ridurre l’impronta ecologica del proprio Natale, tradizionalmente la festa più “ad alto consumo” dell’anno, dall’albero, agli addobbi, allo shopping, ora con nuovi consigli per un cenone anti-spreco (vedi scheda in coda).

A diffondere lo spirito del Natale WWF, saranno il video “Difendi la tua specie, specie a Natale” che racconta per immagini le incredibili somiglianze tra l’uomo e gli animali e la campagna multimediale “A Natale fai un regalo a chi se lo merita” dedicata ai cuccioli di tutte le specie, compresa la nostra! [utilizzabili anche per QRcode]

Tutte le iniziative WWF per il Natale sono su www.wwf.it/natale.

18 novembre 2013 – Ufficio Stampa WWF Italia 06 8449737, 392 2984468, 349 0514472 ufficiostampa@wwf.it

FOTO E VIDEO SONO DISPONIBILI QUI: http://upload.wwf.it/ufficiostampa/File/Campagna_Natale_WWF_2013/

SEGUONO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO PUNTO PER PUNTO

IL PANDA DI CARTAPESTA: UN REGALO “ESEMPLARE”

Era il 1961 quando un pubblicitario, un professore, un avvocato, un pittore e un ornitologo fondarono il World Wildlife Fund. La loro missione era difendere la natura e, come ogni missione che si rispetti, aveva bisogno di un simbolo così semplice e potente da arrivare ovunque. Quel simbolo non poteva che essere il panda: un animale bellissimo, nero su bianco come un progetto, che con il suo sguardo intenso è riuscito, nel tempo, a catturare l’attenzione del mondo intero. Sono passati più di cinquant’anni da allora e il WWF lotta ancora contro una deriva ambientale sempre più difficile da arginare. Il panda – segno inconfondibile di tante battaglie vinte – esiste ancora, ma la sua estinzione è vicina. Ne rimangono soltanto 1.600 esemplari in tutto pianeta: un numero che fa paura, ma che è anche una certezza da cui partire per sensibilizzare la popolazione mondiale sul tema delle specie in pericolo. La sfida riparte da qui: 1.600 sono i panda esistenti, 1.600 sono i pandini di cartapesta che il WWF propone come regalo esemplare del Natale 2013. Ognuno di loro racconta una storia, ma soprattutto una speranza: riuscire nell’impresa, sempre più urgente, di difendere le specie in pericolo. Ogni pandino stato modellato e rifinito a mano grazie alla collaborazione di “Le Botteghe della Cartapesta”, cooperativa sociale che ha come scopo primario la valorizzazione umana e l’integrazione sociale delle persone con disabilità. E’ ecologico al 100% perché realizzato grazie al recupero e riutilizzo dei magazine WWF usati ed è numerato perché non ne esistono altri uguali. Possederne uno significa contribuire concretamente ai progetti WWF. Si può avere, a fronte di una donazione su www.wwf.it/natale a sostegno dei progetti WWF sul campo. E dal 3 dicembre una serie speciale di panda personalizzati da studenti delle scuole d’arte e personaggi famosi andranno all’asta su EBAY

“FAI UN REGALO A CHI SE LO MERITA”: ADOTTA UNA SPECIE A RISCHIO!

In Africa abbiamo perso negli ultimi 10 anni il 65% degli elefanti di foresta, e nella sola Repubblica democratica del Congo in passato erano presenti più di 100.000 elefanti e oggi non sono più di 500. Dall’inizio del secolo scorso abbiamo perso il 97% delle tigri in tutta l’Asia. A causa del cambiamenti climatici, nel 2050 potrebbe sopravvivere solo il 25% degli orsi polari presenti oggi nella banchisa artica. I pochi leoni rimasti (non più di 30.000) devono oggi accontentarsi del 25% dell’habitat originario e le popolazioni sono così piccole e separate tra loro che in non più di 40 anni saranno estinti dall’intero continente. I ghepardi erano 15.000 negli anni ‘70, oggi restano appena 7.500 adulti, sopravvissuti alla distruzione del loro habitat vitale e alla caccia per la loro pelliccia. Negli ultimi dieci anni la popolazione di gorilla è diminuita del 75% e al tasso attuale di bracconaggio e perdita di habitat, la maggior parte delle popolazioni di gorilla potrebbe sparire in soli 10 anni. In Italia l’orso bruno, simbolo dei nostri Parchi, conta appena 100 individui tra Alpi e Appennini. Ogni anno oltre 100 lupi (su un totale di 800-1000), finiscono nei lacci dei bracconieri, vengono impallinati o sono vittima di bocconi avvelenati. Tutto su www.wwf.it/adozioni

L’adozione simbolica di una specie rappresenta un contributo essenziale alla salvaguardia delle specie in via d’estinzione. I contributi raccolti, infatti, sostengono progetti di conservazione WWF sul campo in tutto il mondo e il lavoro delle centinaia di ricercatori ed esperti che ogni giorno operano sul territorio per proteggere le specie in pericolo. Adottare una specie africana, ad esempio, significa contribuire a combattere la deforestazione, sostenere le pattuglie antibracconaggio per difendere gorilla ed elefanti, aumentare la superficie delle aree protette. Con 40 euro si assicura la dotazione di ricetrasmittenti per le truppe antibracconaggio in Nepal, una delle regioni chiave impegnate nella difesa e tutela delle ultime tigri rimaste. Con 20 euro al giorno si può pagare la spesa quotidiana per la gestione e la riabilitazione di un animale sottratto illegalmente alla natura come gli oranghi o gli scimpanzé. Adottare un orso bruno significa sostenere l’acquisto di recinzioni elettrificate e il recupero di vecchi frutteti abbandonati per favorire la convivenza tra uomo e predatore. E aiutando le specie il WWF aiuta anche le comunità locali, sviluppando attività economiche sostenibili, promuovendo un turismo responsabile che non danneggia l’ambiente, aiutandole a vivere la meravigliosa ricchezza della natura che li circonda rispettandola e valorizzando la sua importanza.

Il WWF propone diverse formule di adozioni. Con l’adozione semplice (30 euro) si riceve a casa il certificato personalizzato con il nome del “genitore adottivo”, la scheda sulla specie adottata e una lettera di Fulco Pratesi, presidente onorario WWF Italia. L’adozione digitale (30 euro, disponibile anche nella versione “I WWF you” per anniversari o ricorrenze) regala un wallpaper, lo screensaver e la firma digitale con bellissime immagini della specie adottata, e può essere inviata il giorno stesso o nella data che si preferisce. Per chi preferisci adottare in modo digitale c’è anche l’esclusiva mobile App “WWF Adoption” per iPhone e Android con tante news e approfondimenti sulle specie adottate. Con l’adozione con peluche (50 euro), invece, oltre alla scheda e al certificato d’adozione si riceve un peluche della specie richiesta, perfetto per l’albero di Natale. Il peluche è certificato secondo rigorosi standard ambientali, con la certificazione OKO ed è ideale sia per adulti che per bambini. Il kit dell’adozione con peluche comprende, infine, una shopper ecologica di carta cemento che nasce dal riciclo e riuso di materiale industriale, certificata fsc, da utilizzare tutti i giorni, per essere “ambasciatori WWF”. E se l’adozione è un regalo, è possibile inviare al destinatario una e-card augurale. Infine sono disponibili le adozioni “Trio” (125 euro) dedicate ai quattro grandi habitat condivisi dalle specie nei diversi continenti. Con un solo gesto, l’adozione di un trio permette di intervenire a tutela delle tre specie, di cui si riceveranno i tre kit completi (comprensivi di peluche, certificato, scheda, lettera di Fulco Pratesi e shopper).

IL DEC-ALBERO WWF DAGLI ADDOBBI AL CENONE

NATALE SOSTENIBILE IN 10 MOSSE Anche quest’anno il WWF ha rieditato il suo tradizionale “dec-albero”: dieci consigli pratici per ridurre l’impronta ecologica del proprio Natale, tradizionalmente la festa più “ad alto consumo” dell’anno: dalla scelta delle luminarie al cenone della vigilia.

GLI ADDOBBI

Albero “locale” o artificiale se ‘di riciclo’

Luminarie a basso consumo e addobbi fatti in casa

IL CENONE

Prodotti locali e di stagione, poca carne (www.oneplanetfood.info)

Niente foi gras, caviale, datteri di mare o aragoste (www.wwf.it/pesca)

No a stoviglie usa e getta e ricordati di fare la differenziata (www.improntawwf.it)

LO SPIRITO NATALIZIO

No al “Natale sprecone”, il cibo non si butta, l’energia non si spreca, i regali solo se utili

I REGALI

No a specie esotiche o loro derivati, alimentano il commercio illegale (www.wwf.it/traffic)

Apparecchi tecnologici ed elettrodomestici solo se a basso consumo di energia (www.eurotopten.it)

Shopping rigorosamente a piedi, in bici o con mezzi pubblici e pacchetti incartati in modo sostenibile

10. 10. I regali inutili sono in via d’estinzione, fai un regalo al Pianeta: sostieni il WWF e adotta una specie a rischio