ussia pinoIl Sindaco Giuseppe Ussia sindaco di Guardavalle (Cz) risponde ad alcune domande inerenti la situazione dell’ospedale di Soverato. Ricordiamo che qualche giorno fa il sindaco di Torre di Ruggiero, Pino Pitaro, il sindaco di San Floro Teresa Procopio unitamente al sindaco di Guardavalle hanno firmato  un comunicato stampa  riguardante le strutture sanitarie di Chiaravalle e Soverato.

Sindaco Ussia, da qualche tempo l’ospedale di Soverato è, a parere di molti, oggetto di un progressivo impoverimento. Cosa sta succedendo?

Tutto è iniziato con l’idea di spostare alcuni servizi da Soverato verso Lamezia. Mi riferisco in primo luogo al Centro Regionale per la Fibrosi Cistica. Si tratta dello scippo immotivato di una struttura che funzionava in modo egregio e costituiva polo d’attrazione per numerosi pazienti provenienti da tutta la Regione. A monte dell’istituzione di tale Centro c’era stato un impegno di coloro che avevano profuso tempo ed energie per ottenerlo; a valle il lavoro di Operatori di indiscussa competenza che si erano formati ad hoc nei migliori centri italiani. L’attentato ulteriore alla Pediatria è avvenuto attraverso un provvedimento discutibile ed improprio che ha dirottato alcuni Sanitari verso Lamezia per completare i turni carenti di quella U.O. Pediatrica.

Le tappe successive di questo depauperamento: me li può indicare?

Alcune operazioni sono state concepite a tavolino dall’attuale Management senza alcuna considerazione d’opportunità sanitaria.Tanto meno si è provveduto alla salvaguardia di strutture produttive e ben funzionanti.

E’ vero che anche la Medicina è stata oggetto d’attenzione per attingere personale da indirizzare a Lamezia ?

Una unità Medica stava per essere trasferita con modalità di urgenza presso la Medicina di Lamezia Terme. Se vogliamo in sintesi esaminare tale irrazionale tentativo si devono sciogliere sostanzialmente due interrogativi: – vi è esubero presso di personale Medico presso la Medicina di Soverato? No in quanto l’organico è carente di 0,3 unità. La dotazione Medica va computata in base al numero di posti letto, degli Ambulatori, del DH, del servizio di Guardia Attiva, delle richieste di consulenza provenienti da tutte le U.O ed in particolare dal P.S.. L’equivoco della necessità assistenziale solo in relazione al numero dei posti letto rivela pertanto la scarsa competenza da parte di chi lo professa . Voglio tuttavia ricordare che 20 posti letto di malati realmente complessi e multidisciplinari ,comportano impegno e assistenza continua. -il secondo quesito da sciogliere è se il trasferimento di ufficio per ordine di servizio o mobilità di urgenza sia possibile per portare personale Medico o di altra qualifica presso il presidio di Lamezia. La risposta è ovviamente no ,in quanto la legge tutela le Unità Operative di Soverato.

Come vede il futuro?

Bene:la manifestazione per la Pediatria se pure scarsamente pubblicizzata ha registrato la presenza di otto Sindaci ,ossia il sottoscritto ,il Sindaco di Santa Caterina,il vice Sindaco di Badolato, il Sindaco di S. Andrea dello Jonio,il Sindaco di Davoli,il Sindaco di Satriano, il Sindaco di Torre di Ruggiero,il Sindaco di Montauro,l’ex gruppo consiliare di minoranza di Soverato. E’ in atto una sensibilizzazione capillare che prevede il coinvolgimento di tutti i Sindaci del comprensorio di qualunque colore politico. Molti di essi hanno già dato adesione per innescare una serie di manifestazioni che mirino a restituire integrità e funzionalità a un Presidio Ospedaliero che ha un immenso bacino di utenza e le cui prestazioni sono da classificare più che dignitose.

Oltretutto la struttura in oggetto è in attivo di bilancio. Alcuni Sindaci della Pre Locride e delle Serre hanno già manifestato telefonicamente l’adesione a un Comitato permanente che andremo a costituire.

Il percorso delle proteste e delle istanze potrebbero raggiungere il Ministro della Sanità e il Ministro Dell’Interno attraverso Interrogazioni Parlamentari ad hoc.

Argomenti correlati: Pitaro, Procopio e Ussia: “L’attuale management sta affossando i servizi dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− due = 0