Foto dal Web
Foto dal Web

Otto Comuni e un unico corpo di polizia locale. L’ “Unione dei Comuni del Versante Ionico” procede nel suo percorso associativo e, nell’ultima riunione della giunta, guidata dal presidente Domenico Criniti, trova l’accordo sul cronoprogramma che dovrà portare all’avvio del Corpo di polizia locale dell’ “Unione”. L’esecutivo dà il via libera anche all’atto di indirizzo per incentivare la costituzione di cooperative sociali sul territorio, all’acquisizione in comodato gratuito di un automezzo per il trasporto dei diversamente abili e al conto consuntivo 2010. Già il prossimo 1 giugno partirà, dunque, la fase sperimentale della polizia locale, mentre la piena operatività avverrà dall’1 gennaio 2012. L’iniziativa, allo studio da tempo, mira ad offrire un servizio efficiente ed economicamente sostenibile ai centri dell’ente intercomunale. Guardavalle, Santa Caterina, Badolato, Isca, Sant’ Andrea, San Sostene, Cardinale e Davoli (di “fresco” ingresso nell’ente iscano) potranno così sopperire alle loro carenze, organizzative e di organico e alle difficoltà nello svolgimento dei servizi causate dagli eccessivi carichi di competenze su pochi soggetti. Accanto a questi aspetti ci sono quelli legati all’ottimizzazione dei costi di gestione e la compensazione dei tagli ai trasferimenti statali per i piccoli Comuni: Stato e Regione erogano infatti nuove risorse per l’esercizio associato delle funzioni comunali. Tre saranno le macroaree di competenza: “Urbanistica”, “Sanitaria” e “Pubblica sicurezza”, da suddividere poi per specifici àmbiti di intervento. Al momento, proprio per predisporre al meglio il servizio, si avvierà un censimento sulle risorse umane disponibili negli otto Comuni, oltre che sulle rispettive qualifiche e conoscenze specialistiche, per poi programmare le esigenze future. In una seconda fase sarà effettuata una valutazione delle caratteristiche dei vari centri (popolazione e dimensioni del territorio), con il conferimento organico degli agenti che avranno la base operativa nella sede della “Versante Ionico”. L’ “Unione” accresce inoltre la propria incisività nel settore dei servizi sociali. Con il piano operativo del “sottoambito”, infatti, essa ha deciso di avvalersi delle cooperative sociali per realizzare i servizi alla persona e del welfare in generale. Da qui è nata, dunque, la decisione di erogare incentivi – sulla scorta delle indicazioni che saranno predisposte dal direttore operativo Vincenzo Larocca – per la nascita di cooperative nel suo territorio da utilizzarsi per svolgere i compiti del piano ma anche per sviluppare attività imprenditoriali nel settore sociale, garantendo così ricadute positive (dunque anche economiche) sulla popolazione. Infine, restando in àmbito sociale, la giunta ha attivato una collaborazione con la ditta “Mgg Italia spa” che concede alla “Versante Ionico”, in comodato gratuito per 4 anni rinnovabili, un pulmino a nove posti per il trasporto dei diversamente abili. L’operazione è dunque a costo zero per l’ente intercomunale, visto che la “Mgg” acquista i pulmini raccogliendo inserzioni pubblicitarie che poi vengono affisse proprio su tali mezzi. L’ “Unione” potrà così utilizzarlo affidandolo, attraverso convenzioni, a cooperative, associazioni ed enti che abbiano finalità sociali, di formazione, sportive e culturali. In poche parole un aiuto concreto ai meno fortunati che servirà a rendere migliore la loro esistenza. Il tutto senza aggravio di spesa alcuno per gli enti che ne beneficeranno.

Gazzetta del Sud – Francesco Raneri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 + nove =