Il terremoto dell’11 maggio che radera’ al suolo Roma o il violento tsunami generato da un vulcano sottomarino che travolgera’ le coste della Campania, della Calabria e della Sicilia – voci e timori che si rincorrono in questi giorni sul web e non solo – “rappresentano un surrogato delle nostre paure e dei problemi reali di fronte ai quali ci sentiamo impotenti”. L’analisi e’ di Paolo De Nardis, ordinario di sociologia all’Universita’ Sapienza di Roma.

Ilfattoonline.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette + = 8