Serrati i controlli dei carabinieri: tre denunce, diverse sanzioni per violazioni anti- covid, sospesa anche temporaneamente l’attività di un ristorante.

A Taurianova, i Carabinieri, negli ultimi giorni, nell’ambito di mirati servizi coordinati finalizzati a prevenire e reprimere i reati predatori, in materia di armi e stupefacenti, oltre che al rispetto della normativa di dell’epidemia, che hanno denunciato tre persone per diversi reati, quali violazione degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale, porto in luogo pubblico di armi ed oggetti atti ad offendere, violazione di ordini delle Autorità per impedire diffusione malattie infettive, possesso di sostanze stupefacenti.

Diverse anche le violazioni accertate della normativa vigente anti-covid, in relazione soprattutto al rispetto del coprifuoco in orario notturno, in un caso contestata anche la temporanea sospensione dell’attività al proprietario di un ristorante.  

In particolare, a San Martino di Taurianova, i Carabinieri hanno denunciato un 54enne, in quanto, nonostante già sottoposto a quarantena domiciliare obbligatoria poiché positivo al Coronavirus, è stato sorpreso in auto nel centro cittadino intento ad andare a fare la spesa, costituendo così un pericolo per la salute pubblica.

Sempre a Taurianova, nel contesto di controlli alla circolazione stradale, i militari dell’Arma hanno denunciato un ventinovenne alla Procura della Repubblica di Palmi per porto di armi ed oggetti atti ad offendere, in quanto fermato e sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, trasportato senza giustificato motivo. L’arma bianca è stata contestualmente sequestrata dagli operanti.

A Cinquefrondi, invece, gli uomini dell’Arma hanno denunciato un 35enne, già noto alle Forze dell’Ordine, per violazione degli obblighi imposti dalla misura della sorveglianza speciale, per non aver rispettato l’obbligo di permanenza domiciliare durante l’arco notturno imposto dall’Autorità Giudiziaria.

A Cittanova, inoltre, nel corso di ordinari controlli alla circolazione stradale, segnalato alla Prefettura di Reggio Calabria un 47enne, medico che, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di circa 0,5 gr di cocaina per uso personale. La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro, mentre per l’uomo anche il ritiro della patente di guida.

Sempre a Cittanova, nel corso dei controlli notturni volti al rispetto della normativa anti-COVID, i Carabinieri insospettiti da un elevato numero di autovetture parcheggiate nei pressi di un ristorante locale, hanno identificato all’interno 19 persone, gran parte di giovane età, intente a bere e divertirsi, tra i quali anche uno dei proprietari del locale, quasi tutti senza indosso le mascherine di protezione individuale. Persino nel corso dell’attività di identificazione dei presenti, sono giunte altre autovetture al ristorante e diverse persone hanno tentato di accedervi, incuranti delle tuttora vigenti limitazioni al movimento notturno.  Nel complesso 35 persone sono state identificate e sanzionate, per un importo complessivo di oltre 15.000 euro.  L’attività è stata inoltre temporaneamente sospesa per 5 giorni.

Infine, a Cinquefrondi, i militari della locale Stazione, con il supporto dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Reggio Calabria, ad esito di un controllo amministrativo ad un esercizio commerciale del posto, hanno accertato irregolarità nella redazione e custodia della prevista documentazione della valutazione dei rischi, e hanno contestato delle sanzioni amministrative fino a 2.200 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× cinque = 10