100_0195Pietà popolare, storia e cultura, grande successo per i festeggiamenti in onore di Maria Santissima Assunta in Cielo e di San Rocco di Montpellier, a Stilo nel cuore della valle dello Stilaro. Lunedì 16 Agosto hanno avuto il loro culmine i festeggiamenti religiosi e civili tenuti per le “recuperate” feste stilesi organizzati dal nuovo comitato festa composto dai giovani dell’associazione culturale “Senza Confini”, insieme ai parroci della comunità, Padre Zefferino Parolin e Padre Salvatore Monte. I festeggiamenti iniziati già sabato 14 con il concerto dei “Calavrìa”, organizzato dall’assessorato al turismo della Regione Calabria e dal comune di Stilo guidato dal prof. Giancarlo Miriello, hanno visto fino a lunedì 16 una ricca programmazione di eventi religiosi, artistici, culturali e folkloristici dove, oltre alla partecipazione e all’esibizione del concerto di domenica 15 di Mimmo Cavallaro, si sono alternati il giorno seguente dedicato al Santo patrono dei viandanti, diversi artisti e musicisti, seguiti da ampie e assortite degustazioni di prodotti tipici in piazza San Francesco. A suggellare una kermesse ricca di appuntamenti e festeggiamenti c’è stata l’ormai famoso e tradizionale “lancio delle mongolfiere” per omaggiare la Madre dell’Altissimo venerata a stilo col titolo di “Dormitio Virginis” già dai tempi bizantini. La tre giorni di festa è stata un avvenimento di straordinaria importanza e rilevanza per la città di Stilo, in quanto detta festa è stata capace di richiamare a monte migliaia di giovani fedeli e curiosi provenienti da ogni parte della provincia di Reggio Calabria e Catanzaro. Dopo tanto tempo è il primo anno che il comitato festa ha potuto organizzare una rassegna del genere, ricca di tante iniziative che hanno mobilitato ogni sera l’intero hinterland dello Stilaro.

Elia Fiorenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


3 + = undici