Una bellezza dai tratti arabo-normanni si è ben distinta alla finale nazionale del concorso di bellezza «La più bella delle Miss», svoltosi domenica 16 settembre a Torino. Alla manifestazione, che ha visto la partecipazione di trenta concorrenti provenienti da ogni parte d’Italia, la diciannovenne milazzese è riuscita in virtù non solo del suo viso dolce e del suo corpo aggraziato, ma anche delle sue virtù artistiche, a classificarsi nelle prime posizioni aggiudicandosi il titolo di «Talento», poiché oltre a sfilare in abiti casual, eleganza e nella moda mare Stefania Parisi si è cimentata in una danza del ventre, disciplina alla quale si dedica da molti anni, suscitando notevoli consensi dei componenti la giuria. Visibilmente soddisfatta per il titolo nazionale, ella a seguito di una fascia conseguita in un altro concorso si è recata il giorno successivo a Roma per sottoporsi ad un provino in una nota agenzia cinematografica nella quale, dopo avere imparato un breve copione ed essersi esibita, è stata inserita nella categoria «nuove proposte».

Del resto l’approccio alle arti drammatiche è stato oggetto da parte sua di un’approfondita trattazione per l’avere frequentato assiduamente fino a conseguire il relativo attestato nel corso di dizione, recitazione, mimo, espressione corporale ed improvvisazione all’associazione «Teatro Libero» di Messina, diretto dalla regista ed attrice Rosy Cangemi.

Animata da buoni propositi, ma anche da uno spiccato senso di realismo, Stefania Parisi, peraltro studentessa universitaria in Informatica, ritiene che l’autentica bellezza sia costituita dalle componenti esteriore ed interiore, quest’ultima vivificata dalla grazia e dalla gentilezza. La sua partecipazione agli agoni estetici è caratterizzata non solo dall’intento di affermarsi, ma anche dalla volontà di sconfiggere l’ansia e la timidezza.

Ciò, che la conforta, è l’atmosfera di apprezzamento espressa in ogni occasione dal pubblico, cui ella ricambia trasmettendo semplicità, umiltà ed eleganza. Sulla scorta dei giudizi favorevoli espressi dall’opinione pubblica ella spera di partecipare a qualche fiction ed avere visibilità nel mondo dello spettacolo senza tuttavia perdere di vista le aspettative professionali, che possono esserle conferite dal conseguimento della laurea nella Facoltà in cui è iscritta.

 Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 × uno =