protezione civileL’iniziativa è organizzata dall’associazione Edelweiss. Il gruppo volontari Edelweiss di Soverato e i volontari della Croce Rossa di Badolato hanno programmato una serie di simulazioni da svolgere nelle scuole di Soverato, nell’ambito del progetto “Scuola Sicura 2009”. Slogan della manifestazione “Io so come comportarmi” che prevede esercitazioni e simulazioni riguardanti tutti i settori di pericolo. All’incontro programmatico erano presenti alcuni dirigenti scolastici e parecchi insegnanti. A porgere i saluti la presidente dell’Edelweiss soveratese Maria Brigida Licari e il responsabile Edelweiss di Soverato, Pasquale Pipicelli, il quale ha evidenziato l’importanza della collaborazione e del coordinamento tra le due associazioni di soccorso. «Ma è anche importante, hCRIa proseguito Pipicelli – stimolare i giovani ad avvicinarsi a queste realtà associative di volontariato di protezione civile, essenziali per gestire le emergenze sul territorio». Ha poi invitato le istituzioni locali a dimostrare più sensibilità verso la tematica della sicurezza. Presente, inoltre, l’assessore provinciale alla Protezione Civile, Natale Giamo, e l’Ispettore della Croce Rossa di Badolato, Pasquale Rudi, i quali hanno ribadito la valenza del progetto nel quale sono impegnati, i volontari della Protezione Civile, in simulazioni coinvolgenti alunni e strutture scolastiche. Le esercitazioni previste per il 13 marzo coinvolgeranno circa 6 mila ragazzi e si svolgeranno presso ogni plesso scolastico dove sarà posizionata una squadra di volontari Edelweiss e Croce rossa per il controllo dell’evacuazione. Inoltre, in occasione del 15esimo anniversario, l’associazione Edelweiss sta preparando una grossa manifestazione per il 2011 che interesserà Soverato e tutto il comprensorio. «Sarà, – anticipa Pipicelli – una 4 giorni interessante che coinvolgerà tutte le scuole e dove saranno presenti diverse delegazioni straniere. Riguardo la giornata del 13 marzo , va evidenziato che presso ogni plesso sarà posizionata una squadra di volontari per il controllo dei meccanismi di evacuazione».(m.a.c.)

Gazzetta del Sud del 6.3.2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 × = venti sette