carabinieri212223Arrestato dai carabinieri perché deve scontare 3 anni e quasi 2 mesi di reclusione per ricettazione, lesioni personali aggravate e porto abusivo di arma.  Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Siderno hanno tratto in arresto, su ordine di esecuzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri, Macrì Antonino, 46enne del luogo, dovendo egli espiare una pena residua di 3 anni, 1 mese e 27 giorni perché ritenuto responsabile di ricettazione, lesioni personali aggravate e porto abusivo di arma.

Il 21.07.2008 i militari della locale Stazione diedero esecuzione all’ordine di custodia cautelare, emesso dalla Procura di Locri,nei confronti del Macrì il quale, pochi giorni prima, aveva esploso, per futili motivi, alcuni colpi di arma da fuoco, illegalmente detenuta e tra l’altro frutto di ricettazione, nei confronti di un autotrasportatore siciliano recatosi presso il  suo esercizio commerciale.

Le indagini hanno consentito di accertare che il motivo alla base del gesto è stato il fatto che l’uomo nello scaricare la frutta davanti l’attività commerciale dell’arrestato avrebbe svuotato anche tutta la paglia presente all’interno del tir, sporcando così l’ingresso del punto vendita. Accompagnato presso il Pronto Soccorso di Locri l’uomo fu giudicato guaribile in 10 giorni.

Ieri sera, concluse le formalità di rito, il Macrì è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Locri.