Il governo Musumeci ha destinato 121,9 milioni di euro alla realizzazione di opere di efficientamento energetico nei Comuni delle Aree urbane, con l’obiettivo di ottenere minori consumi energetici e contribuire a ridurre le emissioni attraverso l’uso di sistemi innovativi e intelligenti.
Di questa somma  61,5 milioni di euro sono destinati ai lavori per rendere più efficienti edifici pubblici e scolastici e 60,3 milioni di euro per i sistemi di illuminazione pubblica individuati dalle Aree urbane (Sicilia occidentale, Ragusa e Modica, Palermo e Bagheria, Messina, Gela e Vittoria, Enna e Caltanissetta, Catania e Acireale) in diversi Comuni, nell’ambito delle rispettive Strategie di sviluppo urbano sostenibile.
L’assessorato dell’Energia ha definito ad oggi i primi decreti di finanziamento per un importo di oltre 83 milioni di euro per avviare gli investimenti a valere sulle risorse dell’Asse 4 Energia del Po-Fesr Sicilia 2014-2020- A questi seguiranno ulteriori decreti per altre Aree urbane.
«Il dipartimento Energia – spiega l’assessore regionale Daniela Baglieri – sta lavorando alla definizione delle procedure per l’attivazione di ulteriori risorse destinate all’efficientamento di edifici pubblici e plessi scolastici e della rete di illuminazione pubblica anche delle cinque Aree interne della Sicilia: Madonie, Nebrodi, Simeto/Etna, Sicani e Calatino. Nei prossimi giorni accelereremo per garantire il finanziamento di tali investimenti».

In allegato scheda Agende Urbane con il dettaglio dei primi finanziamenti per i progetti di efficientamento energetico destinati ai Comuni delle Aree urbane : SCARICA ALLEGATO