Armi, munizioni e un notevole quantitativo di droga, tutto nella disponibilità di un 29enne, residente nella frazione San Leonardo di Cutro, in provincia di Crotone. L’uomo è stato arrestato la notte scorsa in un’operazione condotta dai carabinieri della Compagnia di Sellia Marina, con l’accusa di detenzione abusiva di armi, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari dell’Arma erano sulle sue tracce da diverso tempo, dal momento che avevano notato i movimenti sospetti del giovane. Era lui, infatti, a gestire lo spaccio di droghe sulla costa ionica catanzarese, a cavallo tra i comuni di Botricello, Cropani e Sellia Marina. Così, i carabinieri hanno iniziato una serie di controlli diretti, scoprendo che egli conosceva gli orari di servizio dei militari e si muoveva nei cambi di pattuglia, convinto di potere eludere i controlli. Fino alla scorsa notte, quando i carabinieri della stazione di Botricello hanno predisposto una serie di servizi mirati. Utilizzando anche auto in borghese, i Carabinieri hanno bloccato il 29enne mentre viaggiava con una pistola di fabbricazione russa, calibro 7,62×25, con il colpo in canna.

In dosso anche dieci dosi di cocaina, pari a 5,5 grammi, sette di hashish, per 107 grammi, e un bilancino elettronico di precisione, oltre a 454 euro in contanti, possibili proventi dello spaccio. In auto, posta sotto sequestro, anche un coltello di genere vietato e un bastone sagomato. Estendendo la perquisizione alla sua abitazione i militari hanno rinvenuto altresì 1,534 chilogrammi di marijuana, suddivisa in 16 sacchetti sottovuoto, una pistola mitragliatrice calibro 7,65; un fucile sovrapposto Beretta calibro 12 con matricola abrasa; 955 cartucce per pistola calibro 9×21; 129 cartucce per pistola calibro 45; 31 cartucce per pistola 7,65; 35 cartucce per fucile calibro 12; 2 bilancini di precisione.

Il ritrovamento della santabarbara, con alcune armi di particolare potenza, lascia anche presupporre legami più consolidati e possibili collegamenti con fatti delittuosi avvenuti nel comprensorio. Per questo, le armi sono state inviate agli specialisti dei carabinieri per gli accertamenti balistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


quattro − 2 =