Terme Vigliatore (Me) – La bellezza internazionale fa il suo ingresso anche nel versante tirrenico messinese, dove nel lido «La Baia di Venere» a Marchesana, ricadente nel Comune di Terme Vigliatore, si è svolta la seconda selezione provinciale di «Miss Mondo – La Sfida Italiana». L’idea di portarvi un concorso di così alto prestigio è originata dalla lungimiranza dello showman nonché talent scout Nuccio Aliberti in collaborazione con il responsabile regionale Dott. Salvatore Ferrante. È lo stesso Nuccio Aliberti, che, intervistato, ha voluto sottolineare l’intento di portare alla ribalta internazionale un’altra ragazza messinese dopo i successi di Tania Bambaci, Miss Mondo Italia 2011, e di Jessica Bellinghieri, Miss Mondo Italia 2012: ciò, che si richiede, è semplicemente la bellezza naturale, il portamento e la buona educazione.

La manifestazione si è rivestita di un’interessante originalità, poiché si è coniugata la componente estetica con quella artistica e culturale, imperniata su una tematica avente per oggetto l’abbigliamento, le musiche e le decorazioni floreali degli anni Sessanta, volta ad offrire al numeroso pubblico una reminiscenza storica della civiltà umana in quel tempo, impreziosita per di più da una collaterale mostra a cura dell’artista furnarese Salvatore Celi, pittore surrealista, ispiratosi alle opere di Dalì e Magritte.

Dopo l’ingresso delle baby modelle, venti concorrenti da ogni parte del comprensorio hanno sfilato in passerella con abiti casual ed eleganti, truccate ed acconciate secondo la tendenza del periodo in oggetto ed infine nel costume di ordinanza al cospetto di una giuria composta fra gli altri dal consigliere provinciale Giacinto Barbera, dalla maestra di ballo Maria Di Benedetto (presidente), dalla studentessa Barbara Ferrante e da Anna Cavaliere.

Le vincitrici

Nell’intervallo fra un defilé e l’altro non sono mancati gli ospiti canori: la giovanissima Francesca Mosca ha eseguito le cover dal titolo rispettivamente «Mi sei scoppiato dentro al cuore all’improvviso» di Mina e «Ancora» di Eduardo De Crescenzo, mentre una rilevante performance canora è provenuta da Renato Raffa, in arte «Cugino’s», che, cantando in falsetto e paillettes, si ispira ai famosi brani del gruppo «I Cugini di Campagna», di cui lo stesso ha ricevuto da loro un riconoscimento per le sue qualità nonché l’opportunità di cantare insieme. C’è stato spazio anche per la danza dove i giovanissimi Marina Munafò e Fabrizio Solarino hanno deliziato gli astanti con passi di ballo moderno e jive jazz. Prima della proclamazione si è registrato anche l’intervento del Dr. Salvatore Ferrante, che, elogiando le concorrenti per la loro abnegazione nelle prove preliminari, le ha ringraziate per la loro partecipazione tributando loro un caloroso applauso. Dal verdetto dei giurati si sono classificati al terzo posto Miriam Yaakoubi, tunisina di anni sedici (ex aequo) e Martina Aliberti, sedicenne; alla seconda posizione Claudia Calabrese, studentessa di diciassette anni (queste ultime di Barcellona P.G.).

Si è aggiudicata la selezione Elvira Conti, anch’ella proveniente dal paese del torrente Longano di anni diciannove. Felicissima per la vittoria, Elvira Conti aveva voluto partecipare solo per provarci, ma ha notato di essere stata apprezzata per lo sguardo ed il sorriso. Claudia Calabrese al suo debutto in assoluto ha provato una bella emozione, che le ha permesso di vincere la sua atavica timidezza e di coltivare il sogno di diventare una fotomodella. Martina Aliberti è soddisfatta, perché è andata al di là del suo obiettivo minimalista di divertirsi proponendosi di sfoderare tutte le sue qualità per la fase regionale.

Raggiante per la riuscita dell’evento, Nuccio Aliberti ha dato appuntamento per un’altra selezione in cui le concorrenti faranno sfoggio di abiti e di acconciature in relazione all’argomento prescelto. Tutte le immagini della serata sono state scattate dal fotografo Mimmo D’Arrigo, che nel sito www.fotomimmodarrigo.it le ha posto alla pubblica visione. (Nella foto in alto Elvira Conti)

 Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× cinque = 5