Sindaco Giuseppe PappalardoInizierà domani sabato 26 ottobre la «IX Ronde dei Peloritani», promossa dalla scuderia «Messina Racing Team» ed organizzata tecnicamente dalla «Eagles Racing», dodicesima prova del Challenge Italia Ronde Asfalto 2013 e valida per il Campionato Siciliano Rally. Il programma entrerà nel vivo con le verifiche sportive e tecniche, che si svolgeranno dalle ore 10.00 alle 14.30 al Castello di Spadafora, dove si effettueranno anche i controlli dei documenti, mentre in Piazza Vittorio Emanuele II la punzonatura delle auto. Alle 19.30 la cerimonia di partenza della «IX Ronde dei Peloritani», dinanzi al Castello col Sindaco Giuseppe Pappalardo e l’intera Amministrazione cittadina a salutare i protagonisti della gara. Dopo la partenza il riordino notturno, dal quale gli equipaggi usciranno alle ore 7.45 per affrontare i quattro passaggi sulla prova speciale, ciascuno da 10 Km, alle 8.20, 10.55, 13.30 e 16.05 per un totale di 40 Km cronometrati sui 248,65 dell’intero percorso di gara. I riordinamenti presso il Centro sportivo UNIME saranno alle 9.37 ed alle 12.12, mentre i parchi assistenza saranno previsti alle 7.47, 10.07, 12.42 e 15.17. Traguardo finale ancora nel cuore di Spadafora alle 17.00 di domenica 27 ottobre, mentre la celebrazione della premiazione si terrà all’interno del Comune alle 19.00.

Nucita - MaselliSarà il giovane santateresino Andrea Nucita l’apripista d’eccezione. Il Campione Italiano Rally, produzione 2013, e vincitore anche della Coppa CSAI equipaggi indipendenti, già Campione Italiano Rally Junior nel 2012 insieme a Giuseppe Princiotto, sarà sulla vettura «0», l’ultimo ricognitore sulle prove prima del passaggio dei concorrenti. Andrea Nucita ha corso tre volte la Ronde dei Peloritani ed ha espresso apprezzamento per l’impegnativa prova: «Un tracciato, che può essere tranquillamente annoverato tra i più belli ed impegnativi. – ha spiegato il due vote Campione Italiano – Del resto faceva parte del leggendario Rally di Messina, di cui il percorso era definito l’Università del rallysmo. Si inizia con un tratto scorrevole ma scivoloso, poi si continua con tratti molto guidati che si alternano a parti tecniche. Davvero divertente».

«La Ronde dei Peloritani negli anni ha riscosso un successo di partecipanti, pubblico e partner sempre crescente. – ha dichiarato Mauro Amendolia, Direttore Sportivo Messina Racing Team – Anche quest’anno il trend è stato confermato con l’entrata di nuovi compagni di viaggio, con l’arrivo del Centro Commerciale Tremestieri, che si aggiunge agli storici Telepass, Consorzio per le Autostrade Siciliane Formula Tre, Gruppo Alphaomega, Gentiluomo e l’Agenzia SAI di Spadafora,. Anche quest’anno possiamo affermare di avere dei debuttanti, infatti il giovane Biagio Irrera farà il suo esordio in gara con la Peugeot 205 di classe FN1».

Ben ottantotto gli equipaggi attesi domani in verifica, tra cui spiccano i nomi dei vincitori delle ultime due edizioni Giuseppe Nucita e Nico Salvo, che saranno al via con una Abarth Cinquecento Turbo di classe R3T, di Giuseppe La Torre che per l’occasione avrà al fianco un altro driver assai esperto come Bruno Briguglio, sulla Peugeot 207 Super 2000; altra Peugeot 207 S2000 sarà per il giovane catanese Giuseppe Currenti navigato da Franco Chambeyront. Tre le Mitsubishi, la Lancer del corleonese Renato Di Miceli in versione R4, mentre in versione gruppo N saranno le due EVO X dei peloritani Angelo Di Dio e Marco Murabito. Sulla Renault Clio Super 1600 Salvatore e Claudia Armaleo, papà e figlia, su vettura gemella anche Giovanni Celesti. Fiat Punto Super 1600 per Giuseppe Alioto, che sarà come sempre navigato da Alessandro Anastasi. Nella pattuglia delle Renault New Clio spicca il nome del palermitano Filippo Vara, dei messinesi Attilio Villari, Giuseppe Vazzano e Santino Trifirò. Tra le vetture di gruppo A due ruote motrici, in classe 2000 svettano i nomi di Maurizio Rizzo e Letterio Mondello, oltre che del palermitano Nazareno Pellitteri tutti su Renault Clio RS.

 Foti Rodrigo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× 1 = tre