SONY DSCIn Rosarno (RC). I Carabinieri nell’ambito di un servizio finalizzato alla repressione dei reati predatori, hanno tratto in arresto i sottonotati soggetti  tutti colti nella flagranza del reato di cui agli artt. 624 e 625 c.p. (furto aggravato di energia elettrica), poichè alimentavano le proprie abitazioni e un esercizio commerciale di loro proprietà (macelleria) mediante allaccio abusivo alla rete pubblica: Zungri Andrea,  Zungri Nicola,  Zungri Rocco e Zungri Michele.

Dopo una meticolosa perquisizione i Carabinieri rinvenivano, nella materiale e piena disponibilità di Zungri Michele cl.’75, circa grammi 5 di sostanza stupefacente del tipo cocaina suddivisa in due involucri ed euro 17.000,00 (diciassettemila/00), anch’essi suddivisi in due buste sottovuoto, una di 15.000,00 e l’altra di 2.000,00 euro, abilmente occultati nel giardino del predetto.

Gli specialisti del N.A.S. di Reggio Calabria contemporaneamente sottoponevano a sequestro amministrativo l’esercizio commerciale denominato “macelleria zungri” sito in via nazionale bosco nr. 445, gestito dal medesimo nucleo familiare, avendo riscontrato la presenza di carne bovina macellata clandestinamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


nove − = 2