La Vicepresidente della Regione Antonella Stasi, in merito alle problematiche dell’Istituto Sant’Anna di Crotone, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“In merito alle problematiche espresse dall’Istituto Santa’Anna di Crotone, relativamente al budget assegnato alla struttura per l’anno 2012, vorrei precisare che la Giunta regionale è vicina alle famiglie dei malati ricoverati a Crotone e in questi mesi diverse sono state le interlocuzioni. Il Presidente Scopelliti riconosce la valenza della struttura, la specifica attività svolta e l’eccellenza del tipo di cura erogata non solo a pazienti calabresi, ma anche a tanti utenti provenienti da fuori regione, ecco perché è sempre stata molto considerata dal Dipartimento regionale della salute e dall’Asp di Crotone. Ma proprio per la sua peculiarità – ha aggiunto la Vicepresidente Stasi – anche quest’anno il Presidente Scopelliti, in qualità di commissario ad acta, ha individuato una differenziazione tra l’Istituto e le altre Case di Cura Crotonese. Pertanto nell’individuazione dei budget annuali, in rapporto alla produzione realizzata, le riduzioni effettuate alle case di cura sono state mediamente del 9 % circa, contro una riduzione del 4,29% destinato per il Sant’Anna, proprio per lo speciale riconoscimento che il Presidente Scopelliti ha voluto destinare alla struttura.

Il tutto nell’eccezionalità di un incremento complessivo di circa il 10% in più, rispetto al 2011, di risorse per l’ospedalitá privata crotonese, anche in un momento in cui la spendig rewiew aveva decretato una riduzione del 0,5% su tutto il budget dei privati.

Ecco perché è risultato irriguardoso e falso l’articolo apparso sulla stampa qualche giorno fa che definiva addirittura dimezzato il budget e la struttura costretta a chiudere. Apprezziamo il chiarimento avuto tra i referenti della struttura e la Regione Calabria, dichiarando la immediata disponibilità ad aprire un confronto sulla correttezza dei numeri per il calcolo delle risorse, ma soprattutto per risolvere due anomalie: la prima riguarda la specificità di tale struttura sanitaria che eroga prestazioni per non acuti (pagate a giornata di degenza), mentre invece da sempre risulta essere accomunata ad un budget per acuti (pagato a prestazioni DRG); la seconda anomalia riguarda la elevata presenza di pazienti provenienti da altre ASP e da altre regioni (oltre il 70%), che pertanto la caratterizza come struttura a carattere “regionale”. Questi, così come richiedono i titolari della struttura – ha concluso la Vicepresidente Stasi – sono due argomenti da affrontare in uno specifico tavolo tecnico, al fine di evidenziare specifiche anomalie burocratiche e, ancor più valorizzare quanto di speciale realizza l’Istituto”. m.v.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 3 = sei