Il consigliere delegato Merenda illustra i progetti in cantiere per l’ambiente: “E’ nata una nuova visione della quotidianità, un risveglio delle coscienze che fa ben sperare”

“La riscoperta del civismo e dell’impegno di prossimità può essere una chiave di lettura importante in questo momento ed è confortante registrare il desiderio di tanti cittadini di voler contribuire a migliorare la nostra città”. È quanto afferma il consigliere comunale Massimiliano Merenda, delegato ad Arredo Urbano, Decoro Urbano, Progetto Adotta il verde che aggiunge: “Stiamo portando avanti un lavoro di conoscenza del territorio insieme ai settori di riferimento e ai cittadini, proprio per favorire percorsi rigenerativi che attraverso piccole azioni possono incidere positivamente sulla qualità della vita. Il nostro è un territorio ampio, caratterizzato da tante diversità ed estremamente complesso. Cento piazze, settanta scuole, undicimila alberi, dunque la cura del decoro urbano e del verde è un’attività che richiede attenzione e impegno. In questa direzione, nell’ambito dello sportello Ambiente, stiamo pianificando una serie di iniziative che di qui a breve presenteremo e che si affiancano a quelle virtuose già in corso in città. Penso, solo per citarne una, al grande lavoro dei ragazzi di Plastic Free con i quali peraltro stiamo collaborando”.

Il Covid ha generato nuova visione della quotidianità “quasi un risveglio delle coscienze, evidenzia Merenda – e una maggiore attenzione ai quartieri, alle forme di cittadinanza attiva che stanno interessando diverse zone della città magari degradate, attraverso interventi di pulizia e ripristino del decoro. La partecipazione è la migliore arma contro la rassegnazione e andare in via Giudecca e rivedere la storica scalinata rinascere è stato un momento davvero emozionante che peraltro sta coinvolgendo anche cittadini di altre zone. L’impegno civico, naturalmente, deve essere accompagnato e sostenuto dall’intervento dell’amministrazione che deve valorizzare e consolidare queste iniziative”.

Una precisa identità visiva attraverso un nuovo logo verrà assegnata al progetto “Adotta il verde”, spiega ancora il consigliere comunale. “Si tratta di un intervento a cui tengo particolarmente e che coinvolge in modo spontaneo e gratuito i cittadini che potranno far proprio uno spazio, un’aiuola o un angolo di verde, contribuendo a sostenerlo e curarlo. Un progetto che naturalmente non ha la pretesa di risolvere il problema del verde pubblico ma di promuovere la cultura del bene comune”.

Piena sinergia, inoltre, con i settori Sport e Cultura “grazie al supporto delle assessore Palmenta e Scopelliti – evidenzia Merenda – con le quali stiamo sviluppando un percorso condiviso sul fronte della rigenerazione urbana che punta al monitoraggio delle singole peculiarità di ogni quartiere. L’obiettivo è sviluppare interventi che avranno quali elementi caratterizzanti il rilancio dell’attività sportiva all’aperto, forme di socializzazione che questo tempo ci ha sottratto e azioni di tipo culturale nel quadro del progetto “cross booking” che avvierà percorsi di condivisione di mini biblioteche diffuse sul territorio cittadino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


tre × 2 =