CapitaneriadiportoSi è svolta in Capitaneria di Porto di Reggio Calabria riunione tecnico-operativa presieduta dal Direttore Marittimo C.V. Gaetano Martinez con rappresentanti del Provveditorato Opere Pubbliche Ufficio Opere Marittime, Agenzia delle Dogane, Comando Polizia Municipale di Reggio Calabria, e funzionari tecnici di Rete Ferroviaria Italiana al fine di esaminare la fattibilità dell’ apertura del sottopasso ferroviario di S. Caterina. Ciò consentirebbe di corrispondere alle esigenze della cittadinanza residente nel popoloso rione della città nonché ai pendolari che giornalmente raggiungono il porto per attraversare lo stretto per motivi di studio e lavorativi, tenuto anche conto che nell’area portuale insistono diverse strutture di Enti pubblici. Detta esigenza peraltro è stata recentemente sottoposta all’ attenzione della Capitaneria di Porto dall’Assessore regionale alle attività produttive Demetrio Arena, il quale, sempre sensibile ai temi sociali ed economici della città, ha rappresentato all’Autorità Marittima l’opportunità di attivare un tavolo tecnico con gli Enti interessati al fine di valutare la possibilità del collegamento pedonale della stazione di S. Caterina con la banchina di levante del porto cittadino.

Nel corso della riunione tecnica tenutasi nei locali della Capitaneria di Porto i rappresentanti degli Enti su indicati non hanno evidenziato motivi ostativi alla soluzione prospettata ritenendo comunque che debba essere studiato il percorso in sicurezza dei pedoni che andranno ad attraversare il sottopasso, nonché del flusso veicolare che interessa l’area portuale. In particolare il rappresentante di Rete Ferroviaria italiana ha assicurato che verrà studiata la fattibilità tecnica del prolungamento del sottopasso pedonale della stazione di Reggio Calabria S. Caterina per permettere l’accesso diretto all’area portuale, ed ha rinviato a successivi momenti le decisioni sulle modalità di gestione del nuovo accesso.

La Capitaneria di Porto, alla luce dell’esito sostanzialmente favorevole della riunione si è riservata di indire ulteriore convocazione tecnico-operativa per definire, unitamente agli enti a vario titolo coinvolti, le modalità di utilizzo in sicurezza del sottopasso in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


4 + sei =