Dia ReggioLa Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, tramite una nota diffusa in data odierna fa sapere che, a seguito di una proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della D.I.A., DE FELICE – ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni emesso dal Tribunale di Reggio Calabria – Sez. Mis. di Prev., presieduto dalla D.ssa Ornella PASTORE nei confronti di ALVARO Cosimo, 49enne di Sinopoli (RC), pluripregiudicato, esponente di spicco della cosca omonima, in atto detenuto.

ALVARO Cosimo, è stato già destinatario di una condanna definitiva con sentenza divenuta irrevocabile il 23/12/1996 per violazione della disciplina in materia di sostanze stupefacenti nonché destinatario della misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno emessa in data 14/01/1993 dal Tribunale Sez. M.P. – Reggio Calabria, che veniva scontata, dopo una lunga latitanza dell’ALVARO, nel comune di Reggio Calabria, nel periodo dal 07/01/2006 al 07/01/2009. La scelta di scontare la misura di sicurezza nella città dello Stretto in luogo del piccolo comune aspromontano si rivelava strategica per le più ampie possibilità di inserirsi in svariate lucrose iniziative imprenditoriali tramite prestanome.

In data 23.06.2010, l’ALVARO Cosimo, unitamente ad altri 41 soggetti, veniva colpito dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Reggio Calabria, nell’ambito della nota “Operazione META” condotta dai Carabinieri del R.O.S. e del Comando Provinciale di Reggio Calabria.

dia 245

Dalle indagini veniva confermato l’inserimento nelle dinamiche criminali di Reggio Calabria della “cosca ALVARO” di Sinopoli (RC), il cui ruolo di rilievo era emerso sin dai tempi della mediazione svolta dal padre del proposto, Domenico ALVARO, nell’ambito della seconda guerra di mafia di Reggio Calabria. ALVARO Cosimo risultava coinvolto in attività estorsive, di trasferimento fraudolento di valori attraverso l’attribuzione fittizia a terzi di attività economiche, di turbativa d’asta diretta ad impedire il regolare svolgimento di aste giudiziarie, nonché di condizionamento del libero esercizio del voto per l’elezione del Sindaco di San Procopio.

L’ALVARO Cosimo, durante l’esecuzione delle predette misure cautelari si rendeva irreperibile. Tuttavia, veniva catturato circa un anno dopo dalla Polizia di Stato di Reggio Calabria in collaborazione con i Commissariati di Gioia Tauro (RC) e Palmi (RC), mentre si trovava in un casolare in contrada Cirello di Rizziconi (RC) unitamente ad un favoreggiatore.

Nell’operazione “META” venivano sottoposte a sequestro aziende nella titolarità diretta o indiretta dell’ ALVARO Cosimo.

Da ultimo, in data 4 settembre 2013, il proponendo risultava ancora coinvolto – unitamente ad altri 6 soggetti – nell’Operazione “XENOPOLIS” che disvelava un intreccio esistente tra mafia, politica ed appalti, condotta dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dal Servizio Centrale Operativo di Roma.

Per i suddetti fatti risulta attualmente imputato innanzi al Tribunale di Reggio Calabria.

Le determinazioni della Sezione Misure di prevenzione sono scaturite da una articolata ed esaustiva attività di indagine patrimoniale, condotta dal Centro Operativo D.I.A. di Reggio Calabria, volta a verificare le modalità di acquisizione dell’ingente patrimonio societario riconducibile all’ ALVARO, il quale negli ultimi anni aveva come detto esteso l’influenza del clan di appartenenza in attività imprenditoriali della città di Reggio Calabria, tramite compiacenti ed insospettabili prestanome.

Con il provvedimento adottato a carico dell’ALVARO è stato disposto il sequestro del patrimonio riconducibile al medesimo, stimato in circa 5 milioni di euro, tra cui figurano, in particolare:

(1) Il patrimonio aziendale e l’ intero capitale sociale della casa di riposo “VILLA SPERANZA – Società Cooperativa Sociale”, con sede in Reggio Calabria, avente per attività “assistenza ad anziani”;

(2) Il rinomato stabilimento balneare denominato “Lido Calajunco”, con sede in Reggio Calabria, via lungomare Falcomatà s.n.c. ;

(3) Il patrimonio aziendale e l’intero capitale sociale della “Old Gallery’s S.r.l.”, con sede in Reggio Calabria in via Vittorio Emanuele III n. 11, avente per attività di “bar-enoteca con degustazione”,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette + = 9