Controlli canapa sativa: convenzione tra il Comando Regionale Carabinieri Forestale “Calabria” ed il Dipartimento di Agraria dell’Universita’ di Reggio Calabria.

Nell’ambito della pianificazione dei controlli in materia di canapa sativa alla luce del dettato normativo vigente, nei giorni scorsi il Comando Regione Carabinieri Forestale “Calabria” ed il dipartimento di agraria di Reggio Calabria hanno gettato le basi per una proficua ed utile collaborazione finalizzata a fornire nuovo impulso operativo e professionalmente qualificato alle relative ispezioni di filiera.

Il Comandante della Regione Carabinieri Forestale “Calabria”, Colonnello Giorgio Maria Borrelli, ed il Direttore del dipartimento di Agraria, professore Giuseppe Zimbalatti, hanno infatti sottoscritto una specifica convenzione per il “monitoraggio del contenuto del tetraidrocannabinolo (thc)” nelle coltivazioni di canapa sativa, nei territori di competenza di Calabria e Sicilia.

Difatti la normativa in materia, data la specificità dei controlli in argomento, prevede il coinvolgimento istituzionale dei predetti soggetti, soprattutto per gli aspetti connessi al campionamento delle colture in campo e per le successive fasi di “essiccamento” e “prove analitiche di laboratorio”, finalizzate all’individuazione del tenore del principio attivo del “thc”, che, per la canapa sativa, lo ricordiamo non può superare lo 0,6%.

Si tratta di un primo accordo istituzionale teso alla definizione di un sistema di controllo di qualità che tuteli tutta la filiera della canapa legale, dal produttore al consumatore e concorra allo sviluppo di linee di ricerca volte anche a supportare l’attività investigativa e di controllo, atteso che tali coltivazioni spesso sottendono attività illecite connesse alla sfera di controllo delle sostanze stupefacenti.

In tale quadro, proficui pertanto gli incontri tenutisi in questi ultimi giorni, sia presso il Comando Regione Carabinieri  Forestale “Calabria”, che presso il dipartimento di agraria di  Reggio Calabria, che hanno visto la partecipazione anche del Tenente Colonnello Glenda Alesci per i carabinieri forestali, della professoressa Russo Mariateresa, responsabile del focuss lab (food chemistry, authentication, safethy and sensoromic laboratory) del suddetto dipartimento di agraria e del dottore forestale Bagnato Silvio.

Seguiranno ulteriori incontri tesi al perfezionamento dell’accordo, riguardanti sia la fase podromica che la fase operativa in campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


quattro + = 10