Purtroppo ci aspettavamo qualcosa di più nel programma di “Uniti per Guardavalle”, anche perché la bozza che ci era stata anticipata era molto più articolata. Riteniamo che il nostro lavoro di proposta e di sollecito per rendere più articolati i programmi elettorali sia servito. Il nostro obiettivo era e rimane quello di far si che questa tornata elettorale sia caratterizzata dai contenuti del programma e dalle priorità che i candidati si impegneranno a rispettare davanti ai cittadini. Noi non abbiamo accettato la riconferma della candidatura del Dott. Tedesco perché in tutte le esperienze amministrative, compreso l’ultima, ha sempre operato senza confrontarsi con nessuno, imponendo le sue scelte personali e personalistiche e senza alcun rispetto dei suoi alleati, quindi senza alcuna garanzia per la realizzazione degli accordi programmatici. Questo suo prevaricare è confermato nell’attuale programma presentato, che sembra più un elogio alle sue “opere” che un elenco di impegni concreti da mettere in atto per ridare fiducia ai cittadini di Guardavalle e a tutti quelli che vorrebbero investire nel nostro comune. E lo è anche nell’inserimento nella lista di ex tesserati di Rifondazione con la speranza di “rubare” voti al Partito con il quale mai si è voluto veramente aprire un confronto per una seria alleanza di centro-sinistra, ai quali candidati facciamo i più sinceri auguri di non essere nuovamente cacciati, in caso di vittoria, come invece è accaduto in passato. Il nostro appello per costruire una sinistra diversa, libera dal potere delle solite persone, non è riuscito, per questo abbiamo scelto di restare fuori dalla tornata elettorale. Ma questo per noi non significa abbandonare l’impegno politico per far si che Guardavalle sia sempre più migliore. In questi anni abbiamo lavorato per stimolare le persone alla partecipazione, in modo poco evidente, ma lo abbiamo fatto, attraverso il nostro operato amministrativo e il nostro modo di proporci e operare nel quotidiano. Attraverso il dialogo schietto e trasparente, attraverso la ricerca del superamento dei conflitti che, purtroppo, tengono separati i cittadini di Guardavalle. Per questo riteniamo che la discussione sul programma non può e non deve interrompersi con la presentazione delle liste. A tal proposito proponiamo un elenco di priorità che potrà essere sottoscritto magari anche dai candidati che oggi si dicono pronti a darsi da fare per tutta Guardavalle e non per i soliti noti. Sul nostro sito www.prcguardavalle.it troverete il documento e, una volta registrati, potete sottoscriverlo e, volendo, commentarlo.

Guardavalle, lì 16 aprile 2011

Francesco Quaranta  – PRC Guardavalle (CZ)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


nove + = 16