Partita molto calda ed intensa (la prima del campionato di Promozione-girone B) quella disputata al “Borrello” di Brancaleone (Rc) tra i locali dell’Asd Brancaleone di mister Alberto Criaco e l’Asd San Giorgio guidato da mister Giovanni Marcianò.  Rispettato in pieno il pronostico della vigilia che vedeva i padroni di casa leggermente favoriti sul team reggino che, tutto sommato, ha disputato un buonissimo incontro anche se alla fine sono usciti sconfitti dal rettangolo di gioco (2-0). Il caldo afoso (31°) si è fatto sentire parecchio ed a tratti ha condizionato i giocatori in campo, tant’è che l’arbitro ha dovuto interrompere più volte l’incontro per dare modo a tutti di dissetarsi e rifiatare. Erano presenti all’incontro un centinaio di tifosi, gli staff tecnici delle due società ed i rispettivi dirigenti. Per la cronaca, ricordiamo che la tribuna coperta, anche se completata, non è ancora agibile per la presunta mancanza di un documento e questo ha lasciato l’amaro in bocca soprattutto a mister Criaco che, al termine dell’incontro, ha avuto di sottolineare il fatto ai nostri microfoni.  A dirigere l’incontro l’arbitro Daniele Milone della Sz. di Taurnianova (Rc) e gli assistenti Michele Varamo della stessa Sz. arbitrale e Gaetano Sergi della Sz. di Reggio Calabria.

Le squadre sono scese in campo con un modulo speculare, un 4-3-3 che la dice lunga sul fatto che entrambe le formazioni volevano portare a casa il primo successo della stagione. Nella prima frazione di gioco si è registrato soltanto un tiro in porta, intorno al 25′ minuto, tiro scagliato dalla distanza da Borrello del Brancaleone che ha scaldato le mani al portiere ospite senza creare grandi pericoli. Il San Giorgio, dal canto suo, ha cercato di ribattere colpo su colpo manovrando soprattutto a centrocampo, ma senza essere mai pungente in attacco. Nella ripresa i primi 15’ minuti  sono stati favorevoli agli ospiti reggini che hanno avanzato un po il baricentro ma senza grandi pericoli poi, fino alla fine, è stato un monologo dei padroni di casa che specialmente grazie alle incursioni sulla fascia destra hanno creato parecchi pericoli all’intero reparto difensivo del San Giorgio ed il portiere Cannizzaro ha avuto il suo da fare per mantenere inviolata la rete. Da una di queste ripetute incursioni, nel secondo tempo (siamo intorno al 30’), è nato il vantaggio dei padroni di casa: incursione velocissima sull’out destro di Favasuli (alias Miccoli) e cross che sorvola tutta l’area del San Giorgio, dall’altra parte raccoglie l’invito Borrello che al volo, da una distanza di circa 15 metri, fulmina con un potente tiro l’incolpevole Cannizzaro che non ha potuto fare altro che raccogliere la palla in fondo alla rete. Entusiasmo alle stelle e partita che riprende con il solito canovaccio, Brancaleone in avanti e ospiti a difendere. A un minuto dalla fine è Trimboli a chiudere definitivamente l’incontro siglando, con un mirabile tocco di tacco, il 2-0 definitivo.

Euforico al termine dell’incontro mister Criaco che ai nostri microfoni ha detto: “Abbiamo avuto qualche difficoltà a scardinare il muro difensivo del San Giorgio, fermo restando che sapevamo d’incontrare una delle migliori squadre del girone, basta leggere il nome di alcuni dei giocatori che militano nel San Giorgio per rendersi conto della loro potenziale forza. Loro hanno fatto una partita molto ordinata, ma alla distanza siamo usciti fuori noi anche grazie ad una maggiore qualità e panchina, superiorità  che è stata ancora più evidente quando è entrato Favasuli Domenico (detto Miccoli) che ha dato una palla pennellata all’altro nostro giocatore, anche lui appena entrato,  Borrello, che al volo ha battuto il portiere ospite che nulla ha potuto. Certo non è stato facile, soprattutto nella prima frazione di gioco, poi ci siamo un po sciolti ed abbiamo attaccato a testa bassa, fortunatamente con successo, la retrovia ospite. Sono molto soddisfatto dei miei ragazzi perché, anche se a tratti, abbiamo espresso un buon gioco anche se non era facile con il caldo torrido che c’era oggi in campo. Ci tengo a precisare che la partita l’avevamo preparata nei minimi particolari, sapevamo dell’assenza di un giocatore importantissimo per loro che era Totò Laurendi, per questo ho scelto uno dei tre centrocampisti nostri (Galletta) per farlo andare un po indietro a fare il terzo, dando così più forza ed equilibrio al nostro centrocampo. In più sapevo che i tre davanti del San Giorgio ci potevano in qualche modo pungere e, per questo motivo, ho tenuto i nostri difensori di fascia ancorati dietro. Tra l’altro avevo notato le loro difficoltà sulla fascia destra del nostro attacco ed ho preso le giuste contromisure mettendo Favasuli (Miccoli) sull’out destro, ed infatti da un suo lancio è nato il goal bellissimo di Borrello. Quindi, sono pienamente soddisfatto dall’atteggiamento che ha avuto la mia squadra e spero che continui a viaggiare su questi binari perché avere un atteggiamento carico di sacrificio e di sudore paga sempre anche se sappiamo che ci possono essere momenti meno brillanti.  Prima di concludere il mister ha voluto lanciare un sassolino nello stagno dell’amministrazione comunale  affinchè “chi può…faccia!”, il riferimento esplicito è quello relativo alla tribuna che seppur terminata sta li come una bella statuina, mentre i tifosi sono costretti a vedere la partita dagli angoli più disparati dello stadio e questo non è più sopportabile”

Le formazioni:

Asd Brancaleone: Morabito L.; Squillace; Morabito P; Tuscano ; Pereira Cristian ; Nucera ; Galletta G.; Galletta S.; Virgara; Rubertà; Trimboli; Scalici; Mariella; Pinelli; Marando; Borrello; Furferi; Favasuli D. Mister Alberto Criaco

Asd San Giorgio: Cannizzaro OL.; Campagna; Zuccalà; Tripodi; Juan; Favasuli; Cormaci; Bellè; Crisalli; Laganà; Tamiro; Zindato; Sartiano; Catalano; Romeo; Carlini; Cannizzaro J.; Raso. Mister Giovanni Marcianò

Arbitri: Daniele Milone (Sz. Taurianova); 1° assistente Michele Varamo (Sz. Taurianova); 2° assistente Gaetano Sergi (Sz. Reggio Calabria).

Pasquale Rosaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 × = venti quattro