giudice toga tribunale(AGI) – Latina, 22 ott. – Diciassette condanne, per un totale di 190 anni di reclusione. Si e’ concluso cosi’, dopo anni di udienze e oltre ventiquattro ore di camera di consiglio, con i giudici che hanno dormito nel Tribunale di Velletri, il processo “Appia”, scaturito dalle indagini dell’Antimafia di Roma sugli affari che le famiglie Gallace e Novella avrebbero portato avanti ad Anzio e Nettuno, tra il 1998 e il 2004. Il Tribunale ha ridimensionato le pene rispetto a quanto chiesto dal pm Francesco Polino nel gennaio scorso, confermando pero’ l’ipotesi della costituzione di un’associazione mafiosa sul litorale romano. L’inchiesta “Appia” e’ quella che porto’ all’invio di una commissione d’accesso al Comune di Nettuno e allo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni mafiose.(AGI) lt1/Mal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


4 + due =