“Gli attestati di solidarietà e stima che stiamo ricevendo in questi giorni ci fanno ben sperare. Il Premio di poesia Alda Merini è diventato ormai una iniziativa amata da migliaia di persone che condividono quotidianamente con noi la gioia di appartenere ad un gruppo culturalmente libero, lontano certamente da condizionamenti e schemi: quello dell’Accademia dei Bronzi che, da qualche anno, ho l’onore di presiedere”.

Lo sostiene Vincenzo Ursini, ideatore e promotore del premio letterario dedicato alla più grande poetessa italiana del secondo Novecento, premio che già alla sua seconda edizione è diventato il primo d’Italia per numero di adesioni.

Sulla possibilità paventata da Ursini di realizzare la manifestazione altrove, interviene con una dichiarazione Ivan Mancuso, fondatore del movimento civico “Parliamone”.

L’impegno culturale di Vincenzo Ursini, per la nostra città e la Calabria tutta, è notorio. Ecco perché, da privati cittadini e nei limiti delle nostre possibilità, – dice Mancuso – siamo pronti a sostenere il premio Merini. Catanzaro non può permettersi il lusso di perdere una iniziativa di questa qualità che produce non solo sana cultura ma di riflesso anche vero turismo”.

Ed ancora Enzo Morelli, già primario dell’Azienda “Pugliese-Ciaccio” e fondatore del Movimento “Due Mari per la Calabria”. “Siamo in presenza di una iniziativa che merita la massima attenzione da parte del presidente della giunta regionale e degli altri enti pubblici. Da quanto è a nostra conoscenza, nessuno in Calabria è risuscito a creare un evento così importante senza contributi. Ora è tempo di tirare le somme anche in questo settore”.

Altri attestati di solidarietà sono pervenuti ad Ursini da tantissime associazioni culturali e poeti delle altre regioni tra i quali: Annamaria Dulcinea Pecoraro, Elena Verzì, Valentina Meloni, Kiara Mancuso, Tania Scavolini, Antonio Ciervo, Marco Angilletti, Mariella Bernio, Marianna Novara, Flavia Risalvato, Antonio Pascucci e Dora Paciullo, Alessandra Peveraro, Gaetano Rosarno, Valter Urbini, Angelina Russo, Ilaria Celestini, Maria Concetta Giorgi, Anna Pagliarini, Maria Catizone, Lidia Filippi, Laura Di Vincenzo, Federico Caruso, Giovanna Mangano, Patrizia Ferraro, Giulia Meloncelli, Caterina Tagliani, Connie Maria Calautti, Veruska ‘Niki’ Vertuani, Giuseppe Morelli, Cristian Sotgiu, Caterina Rizzo, Anna Lecis, Rosanna Marani, Concetta Aiello Concetta, Roberto Massaro, Ilaria Celestini, Diana Mayer Grego, Mery Florio, Mimmo Stirparo, Sabrina Girgenti, Fabrizio Carollo, Elena Leica, Grazia Calabrò, Sofia Ruta, Maria Pompea Carrabba, Anna Benone, Ersilia Imbò, Rodolfo Brogna, Paola Di Gennaro, Rosalba Di Vona, Paola Bosca, Michele Miano, Giovanna Mangano, Salvatore Annunziata.

Insomma tutta Italia si mobilita a sostegno del premio di poesia ideato dall’Accademia dei Bronzi.

L’idea che il premio possa essere realizzato in altre regioni – dice Graziella Benatti, una delle partecipanti – non mi dà più la stessa emozione che ho avuto quando ho partecipato, sapendo di venire nella vostra bella Calabria. Con voi, caro Ursini, è iniziata una mia nuova rinascita, non solo letteraria ma soprattutto interiore”. Ed Emanuela Riva di Locate Varesino: “sarebbe un peccato se il Premio Merini uscisse dal luogo in cui è nato perché Ursini ha creato un’occasione, per nulla secondaria, di valorizzazione del territorio calabrese”.

Finirà – aggiunge Narratrice-Autrice – che oltre alla fuga dei cervelli, assisteremo anche alla fuga degli eventi. E sarà una ulteriore sconfitta per tutti”.

Ursini – afferma infine Maria Pia Furina (medaglia del Capo dello Stato alla terza edizione del premio “Vivarium”) – rappresenta per noi autori un’occasione senza eguali. Farlo andare altrove vuol dire che la Calabria d’ora in poi anche in cultura sarà più povera. Altro che ricorrenze, manifestazioni e sagre popolari realizzate con lauti finanziamenti”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ otto = 12