Foto dal web
Foto dal web

Un ufficio postale con un solo sportello aperto nei giorni dispari per una popolazione di circa 1200 abitanti, sempre più in sofferenza per i profondi disagi vissuti soprattutto nei giorni di pagamento delle pensioni o delle bollette dalle fasce più deboli, quali pensionati e persone non autonome. Stanchi ed esasperati, dopo avere protestato inutilmente chiedendo anche l’intervento dei carabinieri, i placanichesi hanno deciso di sottoscrivere una petizione per sensibilizzare i vertici nazionali e regionali di Poste italiane. Raccolte in poche settimane 515 firme: «Ho provveduto personalmente venerdì scorso a inviare la lettera – ha spiegato, per tutti i sottoscrittori, la signora Gerarda Cariolo. – Oltre alla dirigenza nazionale di Poste Italiane, la lettera è stata inviata anche alle forze dell’ordine e alla Procura di Locri, con la speranza che qualcuno decida di porre fine a questo disagio».

Un disagio ancora più pesante per i residenti nelle sette frazioni i quali, per la carenza di collegamenti pubblici, per recarsi presso l’unico sportello attivo, spesso sono costretti a ricorrere all’aiuto di parenti e amici, col rischio, poi, dopo un’attesa estenuante, di essere rimandati a casa perché sono finiti i soldi. Ma la decisione di ridurre il servizio potrebbe essere l’anticamera della definitiva chiusura dell’ufficio. «La direzione di Locri – si legge ancora nella petizione – lo scorso anno aveva annunciato che l’ufficio era a rischio chiusura perché non produce a sufficienza, ma si badi bene non in termini di operazioni di sportello (che sono tante, ma non contano) bensì di vendita di prodotti finanziari».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 × = settanta due