15012011500GuardavalleWeb riceve e pubblica – Con questa frase a effetto apre il sito della Locride Ambiente S.p.A., società che si propone di incrementare e promuovere il servizio della raccolta differenziata della carta, del vetro e del multimateriale. A parole, e sul web, sembra tutto perfetto: ritiro, recupero dei materiali ….. ma sarà davvero così? ….A quanto pare non la pensano in questo modo molti Comuni della locride, tra i quali Siderno, Locri e in ultimo Placanica. A dir del Sindaco Clemeno:“ La 15012011499situazione nel piccolo Comune di Placanica è diventata ormai incresciosa, da mesi non vediamo arrivare nessun automezzo per la raccolta, il recupero e lo smaltimento della plastica, del vetro e della carta. I cassonetti strabordano di inquinanti!!! Ad aggravare la situazione le piogge che, inzuppando i materiali di scarto, provocano odori nauseabondi al limite della sopportazione. Le numerose lamentele presentate, le telefonate, i fax inviati richiedenti un tempestivo intervento non hanno sortito nessun risultato. Oltre a ledere l’immagine di un Paese che da sempre vanta una pulizia e un ordine invidiabile, le mie preoccupazioni ricadono sulle possibili e gravi ripercussioni che il perdurare di queste condizioni potrebbero avere sulla salute dei miei cittadini. E’ davvero imbarazzante pensare alle somme che i Comuni della Locride pagano annualmente per un servizio quasi completamente assente. La consistente spesa annua, che grava moltissimo sui bilanci comunali, corrisponde a un vero e proprio sperpero di denaro pubblico. Informerò quanto prima le autorità competenti, in primis il Prefetto, affinché si possa ristabilire l’equilibrio perduto”. Un duro attacco del Sindaco Clemeno che a muso duro risponde ai disservizi di una Società che “costituita appositamente per l’attivazione del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani nella locride….. sembra aver perso di vista i suoi obiettivi”. Clemeno conclude con un appello ai colleghi Sindaci affinché “quanto prima si possa trovare una soluzione al problema, evitando il collasso dell’intero sistema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 − quattro =