22122010232Guardavalle Web riceve e pubblica – L’iniziativa si chiama “Presepi & Presepi”. «Ma si potrebbe benissimo chiamare “I presepi nel Presepe”», puntualizza orgoglioso il sindaco Rocco Mario Clemeno: «Placanica ha uno dei borghi più belli della Calabria, con una carica suggestiva che richiama l’ambientazione di un presepe». Il via il 23 dicembre, nel borgo medievale appunto, dove ruderi antichi e vecchi “catoj” ospiteranno una ventina di presepi realizzati da artigiani, artisti e semplici cittadini. «Vedrete cose che voi umani…»: Brigida Maiolo, titolare di un laboratorio artigianale ed esplosiva art director dell’evento, scherza. Ma non troppo: «Vogliamo stupire i visitatori. E non lo faremo solo con le creazioni artistiche, che alla fine sono solo il pretesto per scoprire la bellezza del nostro centro storico e la suggestione delle sue tradizioni». Non mancheranno le sperimentazioni, dal presepe fatto con la pasta e quello realizzato con le pietre, ma largo spazio anche al classico napoletano. «I presepi nel Presepe», insiste il sindaco Clemeno: «Da Natale alla Befana il borgo verrà illuminato da presepi & presepi programmaluci suggestive e animato da musiche tradizionali natalizie». Nelle varie dimore storiche che ospiteranno le creazioni artigianali, i visitatori troveranno degustazioni di prodotti tipici della tradizione. «L’iniziativa, che parte quest’anno in via sperimentale con la prima edizione – spiega Brigida Maiolo – vuole essere un modo per far scoprire a chi viene a trovarci come si viveva un tempo nelle dimore del borgo, quello che si mangiava, gli attrezzi da lavoro e le più varie tradizioni che fanno la storia del nostro paese». E un po’ di tutti i paesi della Locride, stando all’elenco di consensi che ha registrato l’esperimento: «Abbiamo avuto adesioni da artisti e artigiani di Stignano, Caulonia, Monasterace, Locri e Stilo, oltre ai partecipanti di Placanica. E non abbiamo potuto accettare altre richieste per la mancanza di “catoj” che ospitassero altri presepi», dice Brigida. All’iniziativa parteciperanno molti bambini: «Abbiamo coinvolto le scuole di Placanica e Stignano – racconta il sindaco Clemeno – e, come sempre in questi casi, i più giovani sono quelli che si dimostrano più attivi ed entusiasti». Nell’organizzazione dell’evento, al fianco dell’amministrazione comunale, l’associazione culturale “Placanica, Borgo in fiore”: «I presepi – afferma Cristina Malgeri, giovane presidente – sono una nuova occasione per far conoscere il nostro borgo e la nostra storia al più ampio numero di persone. Ma anche un modo per spingere i cittadini di Placanica a rivalutare questi luoghi della tradizione, a recuperarli anche dal punto di vista architettonico». Un appello al quale si unisce il sindaco Mario Clemeno: «L’amministrazione – promette – offrirà incentivi ai cittadini che vorranno ristrutturare, rispettandone il valore storico, questi luoghi della nostra tradizione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


cinque × = 45