“Sarà presto disponibile un fondo maggiorato per la cura dei cittadini delle Isole Eolie. Circa 1 milione di euro verrà dedicato per il solo servizio di Telemedicina tutelando la sua continuità assistenziale in H24”. Ad annunciarlo è il candidato del PdS-MPA all’ARS per le elezioni del prossimo 28 ottobre, l’On. Beppe Picciolo che, ieri pomeriggio presso la sede amministrativa dell’ASP 5, ha discusso la questione alla presenza dei vertici aziendali, del delegato regionale ANSPI dr. Salvatore De Gregorio e di una delegazione medica ANSPI. Durante l’incontro fortemente voluto da Picciolo, è emersa l’apertura dei tre direttori: il commissario Magistri, sanitario Conti ed amministrativo Munafò ad intercettare dal Sistema Sanitario Nazionale una quota maggiorata appunto da dedicare per l’assistenza medica delle Isole Eolie. “E’ stato possibile – dichiara l’esponente del Partito dei Siciliani – ottenere in tempo reale un impegno formale da parte dell’Ufficio regionale delle Piccole Isole a stanziare una somma importante. Per tutto l’Arcipelago Eoliano si tratta di 100 milioni di euro l’anno di cui circa un milione va destinato al servizio di Telemedicina che, da tempo, non funziona a regime”.

Per arrivare a questa conclusione basta applicare un decreto esistente a livello nazionale che prevede di finanziare per l’assistenza sanitaria in modo maggiorato i luoghi disagiati, difficilmente raggiungibili. Tra questi, sono compresi le Eolie ma anche i territori montani oltre i 1000 metri. Ad avanzare da anni la proposta di attingere da questo fondo è stata l’ANSPI che ha promosso l’istituzione dell’Ufficio regionale Piccole Isole, capace di accogliere le criticità di queste zone. “Ho sposato la proposta dell’ANSPI – puntualizza Picciolo – perché non si può lasciare degradare un servizio d’eccellenza come la Telemedicina che, oggi, è il primo in tutta Italia nella sua specificità. A volte, la mancata applicazione di una legge arriva a privare un intero territorio di strutture salvavita che aiutano a sviluppare la ricerca scientifica e il sistema di gestione sanitario”. Con l’intento di riorganizzare le guardie mediche delle Isole Eolie, il rappresentante del PdS si farà promotore, la prossima settimana presso l’Assessorato regionale alla Salute, di questa risoluzione. “A questo punto – chiarisce Picciolo – si dovrà solo definire in sede assessoriale la cifra esatta da stanziare per il servizio di telemedicina, in particolare per la presenza di due medici che gestiscano tutta la struttura”. “La scadenza di una convenzione con l’ASP 5 di Messina – conclude Picciolo – non può ipotecare l’erogazione di questo servizio che è in grado di realizzare diagnosi certe di ospedalizzazione, attraverso teleanalisi e telecardiologia. Grazie ad esso, si snelliscono i tempi di ricovero di un paziente che, arrivando dalle Eolie in un altro presidio di Messina, non ha bisogno di sottoporsi ad altri accertamenti”. Questo è solo uno dei vantaggi del servizio che opera in condizioni d’emergenza – urgenza e che conta di un centro “supervisor”, all’interno dell’ospedale di Lipari come presidio ASP e di altri 7 laboratori distribuiti nelle altre 7 isole (inclusa Ginostra).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 × = quattordici