19S’interrompe la marcia del Milazzo al consolidamento della vetta ad opera di un Pedara San Pio X, che ha impostato l
a gara condizionandola sotto il profilo atletico per la maggiore preparazione dei suoi effettivi su un terreno di gioco pesantissimo per la pioggia caduta lungo tutto l’incontro nonché sotto il profilo psicologico nel tentativo pienamente riuscito di perdere minuti preziosi per il Milazzo, specie dopo lo svantaggio, allo scopo di rendere nervosi i suoi calciatori facendone perdere la lucidità. L’obiettivo è stato pienamente conseguito che il Pedara San Pio X è da stasera in testa alla classifica del girone B di Eccellenza. Il match inizia sotto una pioggia tanto battente da rendere difficoltose le azioni dei padroni di casa, andati vicino alla marcatura a 30 secondi dal fischio d’inizio: su un calcio d’angolo Raia colpisce di testa, ma manda la sfera di poco alta. I biancoblu etnei fanno ristagnare il gioco a centrocampo tentando in più occasioni l’inserimento in area. Ancione al 12’ si fa pescare in fuorigioco quando scappa in mezzo a due avversari ricevendo un lancio dalle retrovie, mentre Ingrassia subisce fallo da Furnò, mentre un’elevazione aerea di Chiavaro libera l’area dal pallone crossato da Lucarelli. Il Milazzo al 28’ avrebbe anche trovato il gol, annullato su segnalazione del primo assistente: D’Anna s’incarica infatti di battere un corner, aggancia sulla respinta di un difensore, tirando sul palo e sulla ribattuta Ancione batte Romano con un destro implacabile, ma l’arbitro, sig. Ramondino, decreta il fuorigioco. Sull’azione successiva Lucarelli si accentra ed appoggia un ghiotto assist sul piatto di Cannavò, che in corsa scaraventa alto sulla traversa.

Prima dell’intervallo al 40’ Ingrassia ha la peggio in uno scontro aereo con Furnò per prevenire la conclusione dell’esterno. I secondi 45 minuti i milazzesi sono pericolosi in contropiede con D’Anna, che, lanciato nello spazio, converge dentro l’area lasciando partire un cross teso, non intercettato da alcuno a portiere battuto. È il preludio al vantaggio ospite: Maimone s’invola sull’out di sinistra e crossa a centro area piccola un pallone, che, lisciato da molti difensori mamertini, finisce sulla testa di Merito, pronto ad infilare in rete sottomisura senza che Ingrassia possa intervenire. Al 63’ la reazione dei rossoblù è ad iniziativa di Cannavò, ma Romano sventa il suo destro incrociato. Il Milazzo va all’arrembaggio persione col suo portiere che si getta nella mischia in attacco, ma ogni assalto risulta vano per una fittissima difesa etnea pronta ad interdire ogni manovra d’attacco.

Milazzo-Pedara San Pio X 0-1

Marcatori: 58’ Merito

Milazzo (3-5-2): Ingrassia; Raia (89’ Leo), Tricamo, Matinella, Cucinotta; Palmisano, Cordisco (83’ Genovese), D’Anna (68’ Rasà); Cannavò, Lucarelli; Ancione. A disposizione: Di Dio, Casale, Porcino, Quadri. Allenatore: Danilo Rufini

Pedara San Pio X (4-3-3): Romano; Di Mauro (95’ Conte), Santonocito, Chiavaro, Miraglia; Maimone, Privitera, Viglianisi; Furnò (90’ Scardaci), Caputa (71’ Barberi), Merito. A disposizione: Tuccio, Baglione, Musumeci, Vitale. Allenatore: Orazio Pidatella

Arbitro: Fabrizio Ramondino della sezione di Palermo.

Assistenti: Francesco Paolo Caruso e Renato Celestino, entrambi della sezione di Palermo.

Ammoniti: Cordisco, Rasà, Raia (M) Privitera, Maimone, Di Mauro (SPX).

Espulso: Viglianisi (SPX) all’88’, per doppia ammonizione.

Recupero: 2 pt, 7 st

Calci d’angolo: 5-1

 

Foti Rodrigo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


6 × sette =