Comunicato stampa a firma di Michelangelo Tripodi, Segretario Regionale della Calabria del PdCI. Ecco il testo:

<<Le dimissioni di 9 consiglieri comunali di Seminara, avvenute nel pomeriggio odierno, aprono la strada allo scioglimento del Comune e rappresentano un fatto di inaudita gravità che desta stupore e sconcerto in ogni sincero democratico. Si tratta di una vera e propria carognata che mette in crisi un Sindaco ed un’Amministrazione Comunale limpida e trasparente che ha operato positivamente in questi tre anni per far uscire il Comune dalla stagione buia dello scioglimento per mafia e del dissesto finanziario, portando avanti buone pratiche amministrative.

Ed è davvero incredibile che l’imboscata che ha portato alla caduta del Sindaco Antonio Bonamico e della sua amministrazione di sinistra sia avvenuta con un’operazione anomala dai contorni tutti da chiarire che vede coinvolti e in combutta tra loro gli esponenti del PD e del PDL e, cosa ancora più grave, con l’avallo silente del PD provinciale.

 Il PdCI esprime la più netta condanna nei confronti di quanti hanno dimostrato totale irresponsabilità in un frangente così difficile e delicato nella vita politica ed amministrativa di Seminara, facendo prevalere meschine e miopi logiche personali sugli interessi di un’intera comunità.

 Costoro non meritano alcun rispetto né politico né personale, così come loro non hanno rispettato la volontà popolare che aveva portato alla vittoria ed all’elezione a Sindaco di Antonio Bonamico, calpestando quelli che sono i valori fondamentali della democrazia e della legalità.

 Il popolo di Seminare non doveva essere trattato in questo modo dopo aver sofferto troppo negli anni passati.

 Per questo esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza politica al Sindaco Antonio Bonamico, all’Amministrazione Comunale e ai Consiglieri comunali che non si sono uniti alla pugnalata a tradimento che mortifica la democrazia e fa tornare indietro la comunità di Seminara.>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ nove = 12