zanzaraL’Ato3 presenta un decalogo di semplici regole da rispettare Partirà nella notte tra domenica 11 e lunedì 12 nelle zone di Faro Superiore, Massa San Giorgio, Massa Santa Lucia, Massa San Nicola, Massa San Giovanni, Castanea, Salice, Gesso, Contrada Locanda, S. Rizzo, il primo intervento di disinfestazione di tipo adulticida programmato dall’Ato3. Le attività previste rientrano nel piano per il controllo della “zanzara tigre” e sono state concordate nel corso del tavolo tecnico con l’Ausl, il Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria dell’Università e il Comune che peraltro valuta i dati del monitoraggio biologico con livelli che si sono mantenuti bassi. L’Ato3, inoltre, con proprio personale ha già provveduto ad avviare le attività di tipo larvicida (il trattamento di tombini e caditoie con apposite pasticche) nei siti sensibili e di maggiore interesse pubblico. Si ricorda altresì la nuova Ordinanza sindacale che prevede il coinvolgimento della cittadinanza nelle azioni di contrasto, l’Amministrazione comunale ha infatti dettato le linee guida per la prevenzione e il controllo della diffusione dell’insetto a tutela della salute pubblica. L’Ato3, a tal proposito, lancia un nuovo invito alla popolazione per rispettare semplici regole che possono aiutare a prevenire la diffusione della “zanzara tigre” come quella di evitare la formazione di ristagni d’acqua. Già lo scorso anno la Società d’Ambito si è fatta promotrice di una campagna di sensibilizzazione con la distribuzione nelle piazze del centro e dei villaggi di materiale informativo. Semplici regole che è opportuno ricordare, chiedendo il coinvolgimento della popolazione rispetto ai corretti comportamenti da tenere: svuotare ogni settimana sottovasi,secchi, cioltole per l’acqua del cane, etc; Evitare la formazione di ristagni eliminado i contenitori inutili o coprendoli affinché non accumulino acqua, Inserire nei sottovasi mazzetti di fili di rame (20 grammi per litro d’acqua) che ostacolano lo sviluppo delle larve (è uno stratagemma utile anche per i vasi cimiteriali), Pulire il prato e verificare se le piante arboree presentano cavità in cui possa accumularsi l’acqua; Trattare i pozzetti dei cortili con gli specifici prodotti larvicidi, reperibili presso le Farmacie comunali ed i negozi specializzati; informare i vicini di casa, eventualmente ignari, sulle precauzioni da adottare per non avere focolai larvali in casa”. La Società d’Ambito ha inoltre chiesto a Messinambiente di provvedere, come da contratto, al regolare servizio di pulizia e disinfestazione dei cassonetti dei rifiuti solidi urbani, operazione importante nel processo di prevenzione attivato. Per gli interventi di tipo adulticida, che saranno effettuati dopo la mezzanotte, come sempre si raccomanda di ritirare dall’esterno delle abitazioni biancheria e alimenti, di tenere in casa gli animali domestici e di tenere chiuse le finestre specialmente in presenza di soggetti affetti da malattie respiratorie o da allergie. Gli interventi, nei passaggi notturni, interesseranno anche le ville comunali e i cimiteri.

Tempostretto.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


cinque + = 13