L’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha commentato la pubblicazione del bando per finanziare la partecipazione a master di secondo livello e dottorati di ricerca, secondo la formula del “master and back”. “La Regione Calabria – ha detto – investe otto milioni di euro per rimborsare la frequenza dei master universitari in modo da favorire maggiori opportunità di lavoro e formare la classe dirigente. Nello stesso tempo, metteremo in contatto le nostre imprese con i migliori laureati, favorendo il rientro dei cervelli per contribuire allo sviluppo della Calabria.” Il Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, che ha promosso questa innovativa iniziativa, ha subito annunciato un protocollo d’intesa con Confindustria, Unioncamere e le Associazioni produttive per favorire l’occupazione reale dei laureati che usufruiranno di tali contributi. A riguardo verrà allestito, da parte dell’Assessorato alla Cultura un apposito portale internet per favorire questo specifico incrocio tra domanda ed offerta. Al bando emanato dalla Regione, possono partecipare i laureati residenti in Calabria con età fino a trentacinque anni e con un reddito familiare non superiore a 80.000 euro lordi. Le domande verranno valutate in base al curriculum del candidato, considerando il voto di laurea, l’età, le pubblicazioni scientifiche, la conoscenza della lingua straniera e le esperienze professionali. Il rimborso finanziabile è fino a ventimila euro, elevabili di altri seimila per gli studenti disabili. Tali importi consentiranno anche la frequenza dei master più prestigiosi delle Università italiane e straniere. Entro il prossimo mese di maggio il bando verrà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione e sarà efficace fino al completo esaurimento della somma di 8 milioni di euro. È prevista la presentazione telematica delle domande sul portale dell’Assessorato alla Cultura www.regione.calabria.it/istruzione. (dal sito regione.calabria.it)

Ilfattoonline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 − = sette