“Non c’è peggiore sordo di chi non voglia ascoltare. E nel caso di Poste spa, verrebbe seriamente di pensare se non sia il caso che lo Stato organizzi in maniera diversa i servizi postali sul territorio”. Lo afferma in una dichiarazione il segretario-questore del Consiglio regionale, Giovani Nucera, che si dice “solidale con la popolazione di Campoli di Caulonia, ancora una volta costretta a subire l’amputazione secca della chiusura di uffici postali la cui utenza è essenzialmente costituita da centinaia di persone anziane e spesso residenti in zone collinare o montane di quel territorio, impossibilitati di fatto a percepire persino le pensioni. E’ una situazione inaccettabile – prosegue Giovanni Nucera – frutto di piani industriali costruiti a tavolino senza tenere conto che vi sono regioni come la Calabria, con una particolarissima orografia del territorio, in questo caso, chiamate a fornire un tributo di lacrime e sangue senza neppure essere state consultate sulle ricadute di queste scelte decise altrove. Ecco perché sono vicino a chi si ribella, protesta, come lo fanno i cittadini di Campoli, che si trovano nella pessima situazione di dovere subire scelte gravi per quel che riguarda la loro condizione di vita ai quali la politica ha il dovere di indicare le iniziative istituzionali utili per cambiare, almeno in Calabria, decisioni assurde e dannose”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 − = sette