carabinieri enel

Uno dei condomini trovato in possesso di marijuana, eroina ed hashish. Alle prime luci dell’alba, 15 carabinieri della Compagnia di Tropea hanno effettuato una perquisizione ad un condominio sito alla Frazione Marina di Nicotera (VV). Nel corso dell’accurato controllo, presso l’appartamento di un cittadino italiano sono stati rinvenuti:

– 15 gr. di eroina;

– 24 gr. di marijuana;

– 10 gr. di hashish;

– un bilancino di precisione.

Sono scattate le manette quindi per Restuccia Fortunato, classe 1977 di Nicotera, già noto alle Forze di Polizia perché responsabile di detenzione illegale di sostanze stupefacenti, reato previsto e punito dall’articolo 73 del DPR 309 del 1990.

Approfondendo il controllo i militari operanti hanno accertato che non solo la casa del Restuccia, ma anche altri 4 appartamenti (tre di proprietà di parenti dello stesso) del condominio erano interamente collegati abusivamente e direttamente alla rete elettrica pubblica, con danno alla società Enel.

Quindi:

– Restuccia Rosa, Restuccia Giuseppe, Restuccia Maria e Mudassar Abbas, Pakistano, unitamente a Restuccia Fortunato, sono stati anche loro arrestati con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica.

Tutti gli arrestati sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni, al buio, in regime di detenzione domiciliare in attesa delle determinazioni del Tribunale di Vibo Valentia.

 

 

 

 

 

 

NICOTERA (VV): Alle prime luci dell’alba, 15 carabinieri della Compagnia di Tropea hanno effettuato una perquisizione ad un condominio sito alla Frazione Marina di Nicotera (VV). Nel corso dell’accurato controllo, presso l’appartamento di un cittadino italiano sono stati rinvenuti:

– 15 gr. di eroina;

– 24 gr. di marijuana;

– 10 gr. di hashish;

– un bilancino di precisione.

Sono scattate le manette quindi per RESTUCCIA FORTUNATO, classe 1977 di Nicotera, già noto alle Forze di Polizia perché responsabile di detenzione illegale di sostanze stupefacenti, reato previsto e punito dall’articolo 73 del DPR 309 del 1990.

Approfondendo il controllo i militari operanti hanno accertato che non solo la casa del Restuccia, ma anche altri 4 appartamenti (tre di proprietà di parenti dello stesso) del condominio erano interamente collegati abusivamente e direttamente alla rete elettrica pubblica, con danno alla società Enel.

Quindi:

– RESTUCCIA ROSA, di Nicotera classe 1972;

– RESTUCCIA GIUSEPPE, di Nicotera classe 1990;

– RESTUCCIA MARIA, di Nicotera classe 1993;

– MUDASSAR ABBAS, Pakistano classe 1988 ma domiciliato a Nicotera;

unitamente a Restuccia Fortunato, sono stati anche loro arrestati con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica.

Tutti gli arrestati sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni, al buio, in regime di detenzione domiciliare in attesa delle determinazioni del Tribunale di Vibo Valentia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


5 + = undici