Midili Assessore MilazzoIl Ministero dell’Interno, sezione Finanza Locale, ha messo a disposizione del Comune di Milazzo 17 milioni e 800 mila euro per il pagamento dei creditori inseriti nella massa passiva dalla Commissione di liquidazione. Nella giornata odierna le somme sono state accreditate all’organo straordinario di liquidazione, che nei mesi scorsi aveva accertato il deficit complessivo dell’ente al 31 dicembre 2011. Le somme sono previste dal decreto n°24 dello scorso aprile, anticipante l’erogazione agli enti, che hanno dichiarato il dissesto finanziario dal 31 ottobre 2009, di un’anticipazione da destinare all’incremento della massa attiva della gestione ai liquidatori per il pagamento dei debiti. A proposito del 2014 la somma disponibile da ripartire era di 300 milioni di euro e riguardava sia i Comuni in dissesto sia quelli in pre-dissesto nonostante questi ultimi non hanno ricevuto i soldi per non aver concluso la procedura. Il Comune di Milazzo ha aderito alla procedura di liquidazione semplificata in base alla quale i crediti vantati potranno essere risarciti in una percentuale legale prevista in una banda, che va dal 40 al 60 per cento. La procedura semplificata pone tra l’altro l’obbligo di pagare entro 30 giorni dalla data di transazione. “Il Comune di Milazzo è stato tra i 22 Comuni italiani, che ha ottenuto le somme, spiega l’Assessore alle Finanze Pippo Midili, e oggi la Commissione di liquidazione, che in questi mesi ha svolto un importante lavoro di ricognizione della situazione debitoria, certificando lo stato di fatto alla fine del 2011, potrà iniziare a pagare gli aventi diritto.

Milazzo MunicipioRitengo superfluo rilevare come questi soldi oltre a rappresentare una boccata d’ossigeno per le stesse imprese, costituiranno linfa nuova per l’economia cittadina in una fase difficile. Abbiamo lavorato con caparbietà, ma con la convinzione che il percorso era quello giusto e oggi diciamo che si apre una fase nuova per l’Ente, che nel giro di un paio di mesi avrà pagato tutti chi da anni era creditore di somme e quasi avevano perso la speranza di poter incassare in tempi ragionevoli. Dichiarando il dissesto, abbiamo frenato un’emorragia che avrebbe portato l’ente all’insolvenza e chiuso le porte ad ogni possibile aiuto statale visto che, qualora il Comune avesse aderito alla legge Salva Comuni (cosa comunque vietata dalla normativa), non avrebbe potuto avere accesso al decreto legge dello scorso anno che ha sbloccato i fondi alle imprese e poi a queste somme del fondo di rotazione. Nella migliore delle ipotesi avrebbe preso pochi milioni di euro che avrebbero lasciato le casse vuote e molti creditori in fila fuori dalla porta, oltre a costringere i cittadini ad affrontare sacrifici per dieci anni e non per cinque. Questi sono fatti concreti, così come i soldi accreditati e pronti ad essere messi a disposizione dei creditori. Mi auguro che nessuno per il bene della città e dei cittadini pensi di poter tornare indietro. I milazzesi hanno già pagato abbastanza. Adesso è tempo di chiudere tutte le emorragie aperte da spese, che mai si sarebbero dovute compiere”.

Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ sette = 16