pensiline-bus-urbaniÈ stato pubblicato sul sito del Comune l’avviso a manifestare interesse per la sponsorizzazione finanziaria e tecnica del concorso di idee denominato “Stop & Read”, finalizzato alla realizzazione di pensiline e sedute per la sosta dei bus urbani nel Comune di Milazzo: l’iniziativa è stata proposta nel 2016 dalla consigliera comunale Maria Magliarditi perché quegli spazi di sosta fossero non solo più funzionali, ma “trasmettessero, sia al turista in transito, che agli stessi cittadini milazzesi, l’emozione di ciò che si potrà visitare in città”.

Il tema concorsuale riguarda la progettazione di aree attrezzate per l’attesa del bus caratterizzate da pensiline e sedute ed ogni altro arredo urbano nell’ottica d’una globale riqualificazione ambientale e urbana del Comune mamertino, che prenda le mosse proprio dal sistema della viabilità e del trasporto pubblico con l’ideazione di elementi formali e funzionali in grado di valorizzare e caratterizzare lo spazio urbano. Il concorso è rivolto agli studenti di tutti gli Istituti Secondari di Secondo grado milazzesi ed ai laureandi in Ingegneria e/o Architettura d’età inferiore ai 30 anni e si concluderà con una graduatoria di merito e l’attribuzione di € 1000,00 al primo classificato: la somma verrà corrisposta al singolo vincitore o al gruppo vincitore a seguito dell’assegnazione della realizzazione delle pensiline ai vari sponsor interessati.

Il contributo, oggetto del contratto di sponsorizzazione tecnica – finanziaria del concorso di idee, è quantificato in € 1.000,00 da corrispondere al primo classificato ed in € 3.000,00 (compresa Iva e spese tecniche) per la realizzazione dello spazio di sosta. La presentazione delle istanze dovrà avvenire entro il 5 novembre prossimo. Soddisfatta la consigliera Magliarditi: “Sono trascorsi due anni da quando ho avanzato la proposta ma ce
l’abbiamo fatta. – afferma – Le pensiline dovranno diventare un landmark urbano facilmente riconoscibile ed individuabile soprattutto per i turisti con l’obiettivo di riqualificare l’area urbana in oggetto e valorizzare la stessa con cenni storici e sui monumenti della nostra città, un modo nuovo per vivere insieme il territorio, valorizzando la nostra dimensione sociale e per promuovere i brand e le diverse realtà economiche sociali presenti in questo comprensorio”.

Articolo di Foti Rodrigo